Utente 358XXX
Gentile dottore sono disperato avrei bisogno di un consulto immediato.
Sono un ragazzo di 20 anni che ha avuto un primo approcio molto easy "sessuale". Sono andato con una ragazza di facili costumi quasi una prostituta.
Le descrivo la modalità:
.- io seduto al sedile guidatore la ragazza seduta vicino al sedile di fianco
- mi ha praticato una masturbazione nel senso una volgare sega. Non ha mai avvicinato la bocca al mio pene né le sue parti intime, né l'ano.
- io con lamano destra ho toccato le sue parti intime nel senso ho toccato la sua vagina. Non mi sembra di essere andato in profondità, solo superficiale. Era la prima volta che toccavo una vagina. Lei ha sempre indossato la gonna e le mutande.
-quando sono andato a casa ho lavato il pene e la mano con acqua e sapone
Ho questi dubbi.
-il mio pene ho visto dopo forse presentata piccola abrasione, puntino rosso, mai uscito sangue
- la mano con cui toccato le sue parti intime forse presenta piccole abrasioni (piccolo puntino rosso) poichè mastico la pellicina vicino alle unghie In quel momento comunque non usciva sangue, forse quando prima ho masticato la pellicina al massimo 1 goccia. Inoltre non mi sembra di essere andato in profondità nella vagina con la mano però non mi ricordo, ricordi confusi.
-Ho il seguente dubbio ho possibilità anche minima di aver preso HIV?
-Sono passati 3 giorni dall'evento posso ancora fare una terapia antivirale?
-Se vado in centro di malattie di trasmissione per analisi per HIv di cui ho molta paura perché si può morire, posso già fare il test HIV? solo do po quanto tempo si può fare? una terapia antivirale ripeto? ringrazio i dottori che risponderanno al mio quesito. Sono disperato. Ho paura.
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

mi sembra che lei sia entrato in un tunnel di ansie e paure inutili e non motivate.

Quello che ci racconta, se le dinamiche sono quelle indicate, non ci fa sospettare un possibile contagio, dovuto all'HIV.

Si rilassi, non esiste alcuna terapia antivirale "preventiva" ed ora senta o risenta in diretta il suo medico di fiducia e, se lui lo riterrà necessario, le indicherà le corrette e precise modalità per eseguire i relativi controlli per accertare se presente o no una patologia a trasmissione sessuale.

Su questi temi altre informazioni le può trovare a questi link:

http://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/517-aids-dintorni-malattie-trasmissione-sessuale-mts.html

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42220.

Se desidera poi avere ancora altre notizie dettagliate su tali problemi, che possono interessare i giovani uomini, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sempre sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 358XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio molto Dr. Beretta della Sua risposta. La Sua rassicurazione in merito all'impossibilità di un contatto Hiv mi fa sentire meglio. Ho letto anche i vari link che mi ha consigliato, ed mi sembrano molto utili. Le modalità Le ho descritte in modo analitico come sono avvenute, senza tralasciare alcun dettaglio. Da quel giorno mi sono monitorato attentamente e non presento alcun sintomo (rash cutanei, febbre, o altre cose).A Suo avviso comunque sarebbero necessarie delle analisi per qualsiasi malattie a trasmissione sessuale (ripeto non ho tralasciato niente nel racconto)? Posso rimanere tranquillo e dimenticare questa storia?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se le cose raccontate sono quelle da lei descritte può stare tranquillo.

Altri dubbi ... allora è bene sentire o risentire in diretta il suo medico di fiducia.

Ancora un cordiale saluto.