Utente 297XXX
Buongiorno,
Poco più di un anno fa ho battuto fortemente la rotula del ginocchio sx contro il bordo di uno scalino mentre facevo un salto nelle vicinanze di una scalinata in pietra. La botta mi ha fatto quasi svenire perché appunto molto forte. Ho subito fatto impacchi di ghiaccio e ho messo una pomata a base di arnica.
E' stato un mio grosso errore però sottovalutare il gonfiore a livello della rotula stessa in quanto ancora ora permane.

Mesi fa ho fatto una RM al ginocchio, ecco i problemi riscontrati:
- 'La rotula è in asse con piccola fissurazione cartilaginea in sede paramediana laterale'
- 'Si segnala modica iperintensità di segnale a livello intersezionale del tendine quadricipite femorale in sede sovrarotulea, non si segnala nessun versamento articolare'.

L'ortopedico, prendendo visione del referto, mi ha detto che l'ematoma che si è formato si è calcificato e che può essere rimosso solo tramite operazione (cosa da lui sconsigliata per un caso non grave come questo).
Sono d'accordo che non c'è nulla di grave (per altro a gambe dritte il gonfiore si vede pochissimo), ma flettendo il ginocchio il rigonfiamento a livello della rotula è ben visibile e non solo: se appoggio il ginocchio sinistro per terra o se sottoposto a sollecitazione (piccole botte o guidare per molte ore), la parte fa ancora male!

L'ortopedico ha affermato che questo gonfiore 'me lo devo tenere a vita'.
Io però vorrei anche un vostro parere perché l'idea di non poter ridurre in nessun modo questo scomodo gonfiore è alquanto scoraggiante. Termino dicendo che lo specialista mi ha consigliato di fare fisioterapia in modo da rinforzare la muscolatura della coscia e disinfiammare il tendine sotto la rotula.

Vi ringrazio
Cordiali Saluti
[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Se ha un ematoma calcificato non c'è possibilità che sparisca da solo. Di fronte a "l'idea di non poter ridurre in nessun modo questo scomodo gonfiore" che Le risulta "alquanto scoraggiante" la soluzione è essenzialmente chirurgica, anche se è prevedibile che possa trovare difficoltà a trovare un ortopedico disponibile per un intervento di natura esclusivamente estetica. In ogni caso senza averLa visitata e senza aver visto le immagini della RMN, e quindi senza conoscere la reale natura del gonfiore, non è possibile dare suggerimenti specifici per il Suo caso. Le suggerisco di consultare un medico fisiatra, a cui mostrerà le immagini della RMN (e non il solo referto), per valutare se esista la possibilità di ricorrere a terapie fisiche.
Cordiali saluti