Utente 148XXX
Buongiorno a tutti,

Circa due mesi fa ho cominciato ad accusare un leggero dolore alla spalla nella zona dietro, vicino alla scapola.

Ho eseguito un'ecografia in cui emergeva una piccola calcificazione al sovraspinato.

Ho fatto una visita presso un ortopedico che dopo tutti i vari test ha escluso lesioni alla cuffia e ai tendini ma, per maggior sicurezza m'ha fatto eseguire una rmn senza contrasto.

Ecco referto:

Motivo dell'indagine. sospetta spalla insatbile

Non s'apprezzano lesioni strutturali focali dello scheletro della spalla.

Modesti fenomeni di edema osseo in corrispondenza dello spigolo glenoideo superiore a livello del settore inferiore della testa omerale

Rapporti articolari scapolo-omerali nella norma

Non lesioni del cercine glenoideo

Assenza versamenti articolari

Non si osservano lesioni dei componenti della cuffia dei rotatori

Buon trofismo ventri muscolari

Sottile falda di versamento nella borsa sottoacromiale
Tendine del capolungo bicipitale in sede ed integro.

Per risolvere il problema m'hanno consigliato le onde d'urto, ma leggendo in internet leggo pareri contrastanti su questa metodologia.

Nel mio caso è consigliabile?

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Sulla scorta dei pochi dati a disposizione (solo informazioni sulle risposte esami strumentali senza esame clinico) è difficile poter esprimere una propria opinione.
Le onde d'urto sono oggetto di controversia. C'è chi è favorevole in assoluto e chi contrario in assoluto. Poi ci sono quelli che si collocano in mezzo.
Personalmente non ho nulla in contrario all'utilizzo delle onde d'urto purché procurino reale beneficio al paziente.
AUguri
[#2] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Grazie della risposta,

Per la vostra esperienza, qual'è la miglior terapia per un edema osseo?