Utente 358XXX
Buonasera,
sono un ragazzo di 26 anni che ha subito circa 6/7 anni fa un intervento di asportazione di cisti sacrococcigea.
Sebbene, dopo l'intervento, avevo la sensazione di non avere risolto il problema, tutto è andato relativamente bene fino a 3 anni fa.
Infatti 3 anni fa la cisti è ritornata a farsi sentire con vari ascessi e rotture (sebbene la prima rottura di tre anni fa fu qualcosa di doloroso, le altre avvengono spontaneamente senza dolori o altre conseguenze).
Il medico, lo scorso anno, mi ha detto che è piccolissima e che comunque va levata.
Non potendo effettuare nel breve termine l'intervento causa lavoro e esami universitari, la mia paura è che possa degenerare in tumore (visto che in rete sono incappato in questo articolo:http://www.annaliitalianidichirurgia.it/PDF/2009/407-410.pdf)
Non so se è collegato, ma alcune volte insieme alla cisti mi si infiamma un "brufolo" sullo scroto.
Lo scorso anno ho fatto le analisi del sangue (in seguito ad un'eco inguinale perchè avevo ed ho dei linfonodi gonfi, risultati reattivi) ed era tutto nella norma.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Si tratta di casi molto rari, sicuramente meno frequenti di altre cause di morte con le quali, purtroppo, ogni giorno dobbiamo fare i conti. E' molto più facile insomma finire sotto una macchina mentre attraversiamo la strada piuttosto che una cisti pilonidale possa degenerare in una forma tumorale maligna; anche se è bene ricordare che anni e anni di infiammazione senza porvi rimedio possono comunque favorire questa rara evenienza. Il suo caso comunque è ciò che si configura come recidiva, quindi il consiglio che posso darle è di cominciare a pianificare un intervento cercando, in accordo col suo Chirurgo, di posizionarlo in modo tale che non influisca troppo sui suoi impegni universitari.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 358XXX

Iscritto dal 2014
Si, sono d'accordo sul fatto di prevedere un intervento.
Nel mio caso, nonostante diverse infiammazioni con fuoriuscita di pus frammisto a sangue, non ho notato grandissime variazioni riguardanti il punto in cui queste sostanze fuoriescono.
Per capirci, non ci sono mai state fuoriuscite lontano dalla zona interessata e il chirurgo un anno fa disse che sembra "abbastanza superficiale".
In ogni caso, posso stare tranquillo relativamente alla degenerazione maligna della cisti?
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Come le ripeto sono casi rarissimi. Non si può dire che è impossibile al 100%, ma la percentuale, ripeto, è così bassa da rendere molto più preoccupante attraversare la strada sotto casa!
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 358XXX

Iscritto dal 2014
Ok, grazie mille della celere ed esauriente risposta.
Dovrei laurearmi entro aprile, dopodichè pianificherò il da farsi riguardo all'intervento.

Distinti saluti.
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Conviene però cominciare a pianificare da subito le visite preliminari e gli altri accertamenti, in modo che ad Aprile possa effettivamente operarsi. Andando incontro all'estate infatti operare queste patologie è sconsigliabile e se non pianifica l'intervento per tempo il rischio è che poi la operino fra un anno.
In bocca al lupo per la sua laurea!
[#6] dopo  
Utente 358XXX

Iscritto dal 2014
Si, lo so. Anche il mio chirurgo un annetto fa mi ha detto la stessa cosa, infatti poi arrivò l'estate e non se ne fece nulla.
Pianificherò l'intervento a breve, e se non dovessi riuscire entro aprile, lo pianifico già da ora per il prossimo autunno 2015!

Crepi il lupo!

Ancora grazie.
Distinti saluti
[#7] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Infatti. Operarsi con il caldo è davvero sconsigliabile.
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Prof. Luigi Basso
24% attività
8% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
A quanto già ottimamente esposto dal collega, le consiglio di prendere anche in considerazione (e di discuterne con i chirurghi di sua fiducia dopo che questi l'avranno visitata) la possibilità di interventi mini invasivi, tipo la tecnica di Bascom, eventualmente secondo la variante modificata da Gips.
Cordiali saluti.