Utente 359XXX
Buongiorno,
ho subito anni fa un colpo al naso, ma non sono andato in ospedale per accertamenti. dopo qualche anno sono stato operato per deviazione del setto nasale ed adesso respiro benissimo, il mio problema e che non riconosco più il mio viso, le mie espressioni facciali, soprattutto il sorriso dato che noto una retroversione degli incisivi centrali che prima non avevo, premetto inoltre che qualche giorno dopo il colpo mi è comparso un ematoma sulla parte destra della fronte ( il colpo è arrivato a sinistra). La mia domanda è: è possibile che mi sono rotto le ossa nasali senza saperlo? se così fosse stato questa frattura può portare i problemi sopra descritti?? si può fare qualcosa adesso che sono passati anni? Vi ringrazio anticipatamente per le Vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno
per quanto senza indicazioni ad intervenire la frattura delle ossa proprie del naso se presente le sarebbe comunque stata segnalata .
L'intervento di settoplastica riguarda il comparto nasale interno, e non ne modifica l'aspetto estetico.
Quanto da lei riferito, per come riferito appare più imputabile alla modifica che lei riferisce del suo sorriso, anche in questo caso difficilmente relazionabile al trauma: sarebbe stata presente una significativa ferita del labbro, i denti avrebbero perso vitalità, si sarebbe complicato il decorso di guarigione rispetto al solo 'spostamento'.
I denti possono quindi aver mutato posizione nel tempo, per problematica altre rispetto al trauma nasale.
Per correggere il problema può rivolgersi al suo dentista di fiducia che saprà consigliarla sulle opportunità di trattamento, pur essendo trascorso del tempo nel frattempo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 359XXX

Iscritto dal 2014
Salve Dottore,
intanto la ringrazio per la sua risposta tempestiva.Vorrei solo dei chiarimenti riguardo la Sua risposta: lei intende che durante l' intervento di deviazione del setto se la frattura delle ossa nasali fosse stata presente mi sarebbe stata segnalata? L intervento al setto è stato effettuato anni dopo il trauma anche in questo caso si vedrebbe ancora e mi sarebbe stato segnalato? In effetti il dottore che mi ha operato mi ha detto che si è accorto che la deviazione del mio setto era causata da un evento traumatico senza però citare nessuna frattura delle ossa nasali. Quindi se ho capito bene, anche se la frattura al momento del trauma ci fosse stata questa non avrebbe implicazioni nè sul mio sorriso nè sugli incisivi, è corretto?? Per quanto riguarda l' ematoma sulla fronte sa dirmi qualcosa? Può essere correlata ai miei sintomi oppure no? La ringrazio ancora.
[#3] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Buongiorno
le ho precisato il contrario: durante l'intervento al setto non sono interessate le ossa nasali, men che meno si sarebbe potuta vedere una frattura vecchia di anni.
Ha ben compreso invece che tale frattura non ha ovviamente nulla a che vedere con l'estetica del suo sorriso e con la posizione degli incisivi.
Impossibile valutare circa l'ematoma in assenza della possibilità di vederlo in tempo reale, e quindi pronunciarsi circa i sintomi da lei riferiti.
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 359XXX

Iscritto dal 2014
Mi scusi dottore, lei scrive:
per quanto senza indicazioni ad intervenire la frattura delle ossa proprie del naso se presente le sarebbe comunque stata segnalata. E da chi? non sono andato in ospedale al momento del trauma.
Ho effettuato la correzione del setto anni dopo e dato che da quell' intervento non si vede non capisco chi possa avermela segnalata. Quindi non ho ancora compreso se la frattura delle ossa nasali è da escludere oppure no, ci può essere quindi stata e può essere correlata all' ematoma sulla fronte oppure no? se così fosse ci sarebbero degli esami clinici in grado di rilevarla anche a distanza di anni? e se si si può ancora fare qualcosa? Grazie
Cordiali Saluti