Utente 359XXX
Gentilissimi medici,
vorrei un vostro parere sulla situazione poco piacevole in cui ci troviamo.

Sono incinta del mio secondo bambino (19+2 settimane) e durante l'ecografia effettuata a 16+2 settimane sono state rilevate delle cisti dei plessi corioidei, ma sul referto non é stato specificato né il numero né la dimensione.

Compiendo a breve 36 anni, il mio medico mi ha mandato a fare una consulenza genetica, dove hanno effettuato un'ecografia morfologica a 17+2 ed é stata refertata 1 sola cisti di 6 mm + 1 focus iperecogeno.

La TN misurata a 12+2 settimane era nella norma (1,7 mm).

Ho deciso di fare l'amniocentesi (di cui aspetto i risultati) e nel frattempo ho ricevuto i risultati finali del test integrato (quindi TN/prelievo a 12+2/prelievo a 16+2) che mi ha dato un rischio di 1:2.900 per T21 e 1:50.000 per T18.

Ci hanno detto che anche la presenza di 2 soft marker come i nostri si puó riscontrare in feti sani, ma durante la consulenza genetica non ci é stato detto null'altro, per cui vorremmo un Vostro parere a riguardo.

In poche parole, in che situazione ci troviamo?
Dobbiamo continuare a preoccuparci tanto, almeno finché non arrivano i risultati dell'amniocentesi (risultati definitivi da ritirarsi il 6/10, ma se dovesse venir fuori qualcosa di positivo, ci chiameranno loro presumibilmente tra il 14 e il 21 giorno).

Grazie mille per la gentile attenzione, buon lavoro e cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr.ssa Stefania Zampatti
32% attività
8% attualità
12% socialità
GENZANO DI ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2013
Cara utente,

i marker ecografici sono piccoli segni che aiutano a differenziare le gravidanze in cui c'è un alto rischio di anomalie fetali da quelle in cui il rischio è basso. I soft marker sono segni minori, che quindi aumentano di poco questo rischio. Sebbene sia importante segnalarli quando presenti e valutare il feto in virtù dei marker evidenziati, non dovete considerarli come segni in grado di darvi una certezza di malattia. Allo stesso tempo l'assenza di marker ecografici non esclude la possibilità di malattia. Per cui vi consiglierei di dare il giusto peso a questi due soft marker, valutate i risultati dell'amniocentesi e proseguite con le ecografie (fondamentale sarà poi la morfologica) per valutare eventuali anomalie non riscontrabili con lo studio dei cromosomi.

cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 359XXX

Iscritto dal 2014
Gentilissima Dr.ssa,

La ringrazio per la risposta e con piacere La informo che l'amniocentesi é risultata completamente negativa, cosí come la morfologica effettuata a 20+2 settimane ha escludo qualsiasi tipo di problema.

Cordiali saluti e ancora un grazie per l'attenzione.