Utente 359XXX
gen.li dottori,
vorrei sottoporvi il mio caso che mi preme con una certa urgenza. Un paio d'anni fa m'è comparsa una cisti sebacea sul dorso. Alle prime ecografie i privati la scambiarono per un lipoma e me la lasciarono crescere poiché innocua, finché la scorsa estate, raggiunti circa 6-7 cm di dimensione, per l'esattezza a giugno, tale cisti si è infiammata e riconosciutola tale dal chirugo del dipartimento ospedaliero della mia città mi è stata incisa ed asportata con una certa rapidità verso la fine di giugno stesso. Tutto bene per gran parte dell'estate finché m'accorgo questo settembre che sotto i punti, dove prima c'era la massa di grasso, la cisti si è riformata e che da qualche giorno s'è nuovamente infiammata con annessi i dolori che un'infiammazione porta (non riesco ad appoggiarmi di schiena, faccio fatica a stare più di mezz'ora alla guida...). Quello che vorrei chiedere a voi specialisti è se sia normale che a distanza di poco più di due mesi dalla sua asportazione una ciste si riformi e si infiammi, o se questo è dovuto ad un'operazione non effettuata in maniera ottimale, e dunque se vale la pena per un nuovo consulto ed una nuova operazione rivolgermi nuovamente agli stessi chirughi dell'ospedale e fidarmi di loro, oppure mi consigliate di rivolgermi a chirurghi privati?
Vi ringrazio per il lavoro che fate e per la disponibilità. Buona giornata e buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Se la cisti sebacea non viene rimossa con la sua capsule,e questo accade in caso di suppurazione, si può riformare come probabilmente è accaduto nel suo caso. Deve pertanto chiedere una nuova consulenza chirurgica per programmare la rimozione .