Utente 356XXX
Buonasera. Ho eseguito l'anestesia a base di articiana per togliere due denti un anno fa. Terminata l'operazione il dottore mi ha detto di stare un po' seduto in sala di attesa.Dopo 15 minuti neanche iniziano dei gravi giramenti di testa ed inizia a mancarmi il respiro, inizio a chiedere aiuto ,il dottore mi fa del cortisone finché pian piano dopo dieci minuti con poca aria e sensazione di bruciore interno torno a respirare e mi escono piccole macchie rosse vicino al collo...una paura a dir poco macabra!! Per fortuna sano e salvo il dottore mi dice di fare immediatamente i test allergici e mi lascia una fiala di anestetico MEPIVACAINA.Cosi mi reco dall'allergologo, eseguendo i prick e challenge test su braccia e spalle risultandone sorprendentemente negativo.Come è possibile una situazione del genere? Ma..Soprattutto...posso fidarmi la prossima volta se capiterà di andare dal dentista..ad usare questo tipo di anestetico?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Il risultato del test non è sorprendente per almeno due motivi:
1. non è detto che l'episodio riferito in seguito all'estrazione dentaria si sia verificato come conseguenza della somministrazione dei farmaci e soprattutto che si sia trattato di una reazione allergica;
2. i test sono stati effettuati con un farmaco diverso (mepivacaina) da quelli utilizzato dal dentista (articaina+adrenalina).

Il fatto di aver tollerato la mepivacaina ne consente l'uso - dal punto di vista strettamente allergologico, verso la possibilità di reazioni IgE-mediate - almeno finché non si verifichino ulteriori eventi avversi. I test infatti non garantiscono una "copertura" da eventuali (seppur improbabili) future sensibilizzazioni, né tantomeno da eventuali future reazioni di tipo non allergico.

Dal punto di vista pratico, anche se potrebbe sembrarLe in contrasto con quanto appena detto, la risposta alla Sua ultima domanda è: sì (dando per scontato che l'odontoiatra lavori bene ^_____^).

Saluti,
[#2] dopo  
Utente 356XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per aver risposto Dott Francesco Marchi, cortesemente vorrei porle due ultime domande, con sua gentilezza. Se ad oggi, diciamo in Italia o in America esiste un anestetico che dà nella maggior parte dei casi meno allergie (ho sentito parlare del nuovo anestetico dal nome ''ORALBLOC ..PIERREL'' ). La seconda è, quanto tempo dura la copertura dopo aver fatto i test per anestetici?
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
"Orabloc" è un prodotto contenente proprio articaina e adrenalina.
Come tutti gli anestetici locali di questo tipo, il rischio di reazioni allergiche risulta estremamente basso.

Come già detto, i test non conferiscono nessun tipo di protezione. Quindi non esiste risposta alla Sua domanda.

Saluti,
[#4] dopo  
Utente 356XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Dottore per la sua preziosa risposta. Mi fido del mio medico, ma se non le dispiace ( Visto che lei è uno specialista proprio in allergologia oltre che gentile) le sarei grato per un'ultima domanda se possibile.Per bloccare (nell'eventualità ) un' allergia all'anestetico quale di questi due farmaci in medicina risulta più efficace come premedicazione?..Il Prednisone (Deltacortene) oppure il Bentelan?
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Se dovesse sviluppare una reazione grave, probabilmente nessuno dei due.
Ma non c'è motivo di temere un'eventualità del genere e non vi è indicazione ad una premedicazione.
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 356XXX

Iscritto dal 2014
GRAZIE..Addirittura se una persona fosse allergica nessuno dei duee!?..Ma allora non esiste un protocollo perlomeno più sicuro?
[#7] dopo  
Utente 356XXX

Iscritto dal 2014
Ok scusi, forse ho esagerato con la domanda.