Utente 137XXX
Gent.mi medici
Vi scrivo con la preghiera di volermi fornire un vs. prezioso parere. Nel 2005 ho sostituito, in elezione, la nativa valvola aortica, insufficiente, con una biologica ( Carpentier-Edwards 27). Ora la stessa è diventata insufficiente (moderato-severa) per cui si impone un reintervento. Premesso che ho 75 anni gradirei sapere se posso ricorrere a una valvola da cadavere. che, a quanto pare, almeno non richiederebbe la terapia anticoagulante con la quale me la son vista abbastanza brutta nel primo intervento. In attesa ringrazio e porgo distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Probabilmente penso che in assenza di altri motivi peri i quali fosse indicata, potrebbe evitare l'anticoagulante per i canonici 3 mesi ed utilizzare un antiaggregante, impiantando una normale e più standardizzata nei risultati, valvola biologica.

GI