Utente 775XXX
Salve, ho 38 anni, in passato ho avuto piccoli problemi di ansia, e stress, comunque passati.
ho avuto un ricovero per aritmia atriala, ma solo per una notte poiche' il ritmo e' ritornato da solo regolare.
da tre mesi, oramai, quando cammino sento come non avere il terreno sotto i piedi, mi fanno male gli occhi, ed il cuore parte in extrasistolia, cioe' iniziano le extrasistole, che spesso durano anche delle ore.
sono stato piu volte a pronto soccorso, per lo stesso motivo, ed il cardiolo mi ha refertato, extrasistolia a volte trigemino.
esami fatti:

esami completi sangue: negativi
holter pressorio: negativo
holter cuore: tutto nella norma a parte 150 extrasistole, ma prendevo una pastiglia al di' di lobivon da qualche giorno.
prova da sforzo: nulla da segnalare.
ecocardiogramma: ne ho fatti due ed e' tutto regolare.
tac capo: negativo.
eco tiroide: negativo.
visita neurologica: negativa, ma il neurologo mi aveva prescritto lo stugeron preso per qualche giorno ma visto l'insuccesso l'ho smesso.
visita oculistica: negativa.

il medico della mutua, non sa piu' che pesci prendere, e mi ha consigliato, atenolo (niente da fare) sotalex (benino),congescor 2.5(benino). mi hanno anche consigliato di prendere delle gocce di xanax. io sono terrorizzato, cioe' sono malato di cuore, ho un scompenso cardiaco?
cosa posso fare?
i capogiri quando cammino sono forti, ed invalidanti, sono tre mesi che on vivo, se sto steso sul divano tutto e' ok....
quando inizio a camminare le cose diventano ingestibili.
consigli?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile utente:

La Sua extrasistolia, in base agli esami da Lei elencati non è dovuta ad alterazioni strutturali del cuore o ad un alterazione tiroidea. Questo già appare un criterio di benignità. Nei casi come il Suo, in cui probabilmente la componente emotiva/ansiosa è importante i farmaci di elezione sono i beta-bloccanti (oltre quelli da lei provati esiste anche il metoprololo, la cui prescrizione deve essere comunque eseguita dopo accurata visita cardiologica)e/o ansiolitici (anch'essi da prescrivere dopo visita).
Tuttavia posso rassicurarLa: Lei non è un cardiopatico, nè tantomeno uno scompensato.

A disposizione per ulteriori consulti
[#2] dopo  
Utente 775XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottore, la ringrazio per le sue preziose informazioni e consigli.
[#3] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non esiti a esprimere ogni suo dubbio e nel limite del possibile vedro' di risponderLE il più celermente possibile

Saluti
[#4] dopo  
Utente 775XXX

Iscritto dal 2008
Grazie ancora per la sua professionalita', gli unici dubbi che ho, sono i seguenti:

le prove da sforzo, le ho effettuate mentre prendevo una compressa al giorno di lobivon, e ovviamente non avevo molte extra anzi, direi che stavo benone, ma non avevo il fiato per fare nessuna cosa.
infatti il cardiologo, che mi faceva il test, mi diceva che il cuore era perfetto, ora il mio dubbio e', nonostante la terapia che prendevo se c'era un "vero problema cardiaco" sarebbe comparso ugualmente?

ho inisiato da qualche giono, a prendere il congescor 2.5, il cuore e' tranquillo, ma appena mi muovo ecco le extra...

ho sentito parlare di ablazione, ma sinceramente sono un po' spaventato...

concludo, che il mio medico curante mi ha comunicato che le extra isolate non si curano, mentre le triplette si...

ok per l'ansia, sto iniziando a prendere delle gocce di xanax, ma mi rinco un po'....

mi rendo conto di essere lievemente ipocondriaco, ma le extra e le vertigini, ci sono eccome.

dottore le chiedo scusa per la lungaggine....
[#5] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile utente:

Non sono in grado di dirLe se in caso di assenza di terapia un eventuale problema sarebbe comparso ugualmente, ma posso dirLe con ragionevole sicurezza, che il farmaco comunque lo contgrolla molto bene.
Non sono d'accordo ad una eventuale ablazione (che comunque presenta dei piccoli rischi) se non si dimostrano aritmie maggiori e sono d'accordo con il suo curante sulla benignità delle extrasistoli isolate.

A disposizione per eventuali ulteriori consulti