Utente 772XXX
Salve, circa 1 mese fà ho iniziato una terapia desensibilizzante contro gli acari "vaccino sublinguale".Dopo 10 giorni circa di assunzione, avvenuta seguendo scrupolosamente le indicazioni dell'allergologo, ho cominciato ad avere dei problemi, e precisamente sotto la lingua, dopo l'assunzione del "vaccino",la parte a contatto con la goccia si gonfiava.Ho fatto presente questa situazione al medico di cui sopra, che mi ha prospettato due possibili cause: una, che non tollero il vaccino, cosa che ci lascia entrambi perplessi, perchè per 10 giorni non ho avuto alcun problema, e perchè non sono nuovo a questo tipo di terapie, in quanto per cinque anni ho fatto il vaccino "sottocutaneo" per la parietaria, con ottimi risultati e nessun problema di reazioni; l'altra, che potrei avere un'infezione "afta" sotto la lingua. Comunque per concludere, dopo 10 giorni di interruzione del trattamento, il problema del gonfiore sotto la lingua si è ripresentato, anche con una solo goccia di vaccino, per cui l'allergologo, ha optato per la seconda ipotesi, quella dell'afta e mi ha consigliato di farmi vedere dal mio medico curante.Faccio presente che i consulti con l'allergologo sono stati solo telefonici, perchè in questo periodo è in ferie. Per concludere, sono stato dal medico che mi ha prescritto un antimicotico, quello che si da ai neonati, perchè si è accorto di due piccole "puntine" proprio sotto la lingua. A questo punto chiedo, se non sia stato proprio il vaccino a causare quste "puntine", perche dopo 5 giorni di antimicotico sono ancora lì e non noto nessun miglioramento.
Mi scuso per essermi dilungato e per i termini non propriamente corretti che ho utilizzato e ringrazio in anticipo coloro che mi daranno un parere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Il vaccino dovrebbe prevedere delle dosi progressivamente crescenti e comunque e' possibile che a un certo punto, o per la dose o per la ripetizione dello stimolo, si superi la soglia e scatti la reazione.

E' un piccolo rischio presente anche nel vaccino sottocutaneo, tant'e' vero che questo va fatto sotto controllo medico proprio per non farsi soprendere da reazioni improvvise tipo shock.

Se anni fa non e' successo niente, questo non esclude che oggi possa succedere, le allergie sono infide.

Sull'ipotesi della lesione orale indipendente e casualmente coincidente, occorre guardare dal vivo, quindi vale il giudizio di chi ha potuto esaminare la lesione.








[#2] dopo  
Utente 772XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio Dr.Bianchi per la sua risposta.In effetti è proprio così, il vaccino prevede una dose via via crescente.Nella fattispecie,la somministrazione del "vaccino" è: 1 goccia il primo e secondo giorno, 2 goccie il terzo e quarto giorno, 3 goccie il quinto e sesto giorno,fino ad arrivare a 4 goccie, dose massima da assumere per 6 giorni a settimana. Quello che mi sorprende è, che per 10 giorni non ho avuto problemi, neanche con la dose massima di 4 goccie, assunta per 5 giorni senza alcun problema.La mia paura è, che questa lesione sia stata provocata dal vaccino, anche perchè il medico curante, mi ha prescritto sì, un antimicotico, ma l'ho visto un pò perplesso sul fatto che questa lesione sia un'"afta". Per cui le chiedo, se è possibile una cosa del genere, cioè che sia stato il vaccino a causare la lesione, e se è a conoscenza di altre persone che abbiano avuto questo problema dopo l'assunzione del vaccino sublinguale.In caso di risposta affermativa, questo significherebbe, che non posso più assumere il vaccino sublinguale?
Inoltre, continuando ad assumere il vaccino, questa presunta reazione locale, resterebbe tale, o a lungo andare si potrebbero manifestare problemi ben più grvi, tipo shock?
La ringrazio anticipatamente per la sua risposta