Utente 145XXX
Salve, mi chiamo Giuseppe ho 28 anni, fumatore 10 sigarette al giorno, da qualche mese ho percepito un senso di fastidio/pesantezza allo scroto di sinistra, il mio medico di base mi ha diagnosticato un varicocele e prescritto un ecocolor dei vasi spermatici che ha confermato la presenza di un varicocele di grado 2/3 a sinistra e uno lievissimo a destra. Ho effettuato lo spermiogramma e prenotato la visita da un andrologo che però potrà ricevermi purtroppo tra 2 settimane! Volevo quindi chiedervi se per favore potevate dirmi qualcosa sul referto, se mi devo preoccupare o se è un quadro recuperabile, visto che ho letto che un varicocele diagnosticato così tardivamente può compromettere seriamente la fertilità.

ESAME FISICO
Coagulazione : PRESENTE Astinenza : 4 giorni
Liquefazione a 30': COMPLETA Viscosità: NORMALE
Colore: OPALESCENTE Volume: 5.0 ML
Filanza (mm) : 0 PH: 7.5

CONTEGGIO DEGLI ELEMENTI CELLULARE
Spermatozoi: 80.000.000/ML
Numero totale Spermatozoi: 400.000.000

Cellule rotonde: 1.000.000/ML
Leucociti: 500.000/ml (vn minore uguale a 1.000.000)

ESAME DELLA MOTILITA' DOPO 1 ORA
Motalità progressiva : 24%
Motilità totale: 78%

ESAME MORFOLOGICO SU STRISCIO COLORATO
Forme Tipiche 12%
Forme Atipiche 88%

attendo i vostri commenti, vi ringrazio anticipatamente.

Distinti Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

sembra esserci in sostanza una riduzione della motilità dei suoi spermatozoi ma, se indicato dal suo urologo od andrologo, alla sua età è sempre possibile una eventuale correzione chirurgica.

In attesa della vista specialistica, se desidera avere informazioni più dettagliate su questo particolare ma complesso tema uro-andrologico, le consiglio di consultare, se non ancora fatto,anche l’articolo da me pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-fare-problemi.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Egregio Dott. Beretta, la ringrazio per il link che già avevo letto qualche giorno fa.
Ho notato anche io che c'è una riduzione solo della motilità progressiva mentre la totale si attesta al di sopra del 95 percentile, è mai possibile questa grossolana discordanza tra motilità diretta e progressiva? O è possibile un errore di laboratorio?
Inoltre mi preme sottolineare che questo è un periodo in cui sono particolarmente stressato per motivi lavorativi, ho letto che lo stress incide sullo spermiogramma ma incide sull'astenospermia o più sul numero degli spermatozoi?
Ma la cosa che mi preme maggiormente capire è, questa astenospermia compromette la mia fertilità?

La ringrazio.

Distinti Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

400 milioni di spermatozoi complessivi nel suo eiaculato, anche se la motilità progressiva non è nella norma, non ci permettono di dire che la sua fertilità è compromessa.

Detto questo, se desidera poi avere altre informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna un’infertilità di coppia, può leggere anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1446-antiossidanti-radicali-liberi-fertilita-maschile.html .

Un cordiale saluto.

[#4] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Quindi di per sé, lo spermiogramma consiglia il trattamento del varicocele o no?
Inoltre che mi sa dire sulla scleroembolizzazione è una metodica sicura?
Distinti saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Da solo l'esame del liquido seminale non ci permette di darle una sicura indicazione chirurgica, risenta ora il suo andrologo di fiducia.

La scleroembolizzazione in mani esperte è una metodica ultra sicura.

Ancora un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Ho parlato al telefono con l'andrologo, amico di mio padre e mi ha detto che ne parleremo meglio tra una decina di giorni quando torna, ma che comunque se ho la sintomatologia è già da sola indicazione di trattamento.
Ma la scleroembolizzazione necessità ricovero?
Inoltre a scopo informativo volevo chiedere la febbre quanto influenza lo spermiogramma? Nel mese scorso ho avuto l'EBV che mi ha tenuto debilitato fino ai primi settembre... Ho effettuato l'esame diciamo dopo 2/3 settimana dalla guarigione... la febbre fino a quanto tempo incide sullo spermiogramma e principalmente su cosa? vitalità? numero? mi scusi se approfitto della sua disponibilità ma alcune di queste domande nascono anche per curiosità personali ...
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

a volte un episodio febbrile può condizionare la qualità del liquido seminale per più di due mesi, circa 75 giorni.

Un cordiale saluto.
[#8] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Il fatto di avere avuto la febbre per quasi un mese fino ai primi di settembre allora potrebbe aver già influito pesantemente sul liquido? La febbre influisce più sul numero o sulla motilità?
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Influisce su entrambi i parametri del liquido seminale.
[#10] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Ho anticipato la visita dall'andrologo, visionando lo spermiogramma mi ha detto che si aspettava un quadro peggiore e che il consiglio sarebbe di ripetere uno spermiogramma tra un mese anche visto che ho avuto la febbre recentemente ma che siccome ho la sintomatologia possiamo ricorrere già all'intervento e mi ha indicato un radiologo interventista che effettua da anni la scleroembolizzazione, dicendomi di non fidarmi di molti colleghi andrologi che dicono che la procedura della scleroembolizzazione non è buona e da molte recidive "solo per difendere l'atto chirurgico". E' vero?
Per quanto riguarda la sintomatologia del varicocele è continua? Perchè per esempio ora sto bene, ma c'è stato un periodo a fine settembre che avevo un fastidio/senso di peso nello scroto di sinistra incredibile.
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

segua ora le indicazioni ricevute, sapendo comunque che molte segnalazioni e lavori scientifici confermano che la scleroembolizzazione delle vene spermatiche ha percentuali di recidiva maggiori rispetto al trattamento chirurgico.

Un cordiale saluto.
[#12] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
da quello che ho inteso è un dibattito aperto quello delle % di recidive, ho letto in internet alcuni studi che dicono che sono paragonabili altri che dicono che è meglio l'atto chirurgico, non è che la scleroembolizzazione magari è molto operatore dipendete?
inoltre mi è stato detto che per la scleroembolizzazione non c'è di ricovero e il recupero è brevissimo, quanti giorni di astinenza devo tenere dall'operazione?
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

vedo che è molto informato!

Sui giorni di astinenza sessuale post-chirurgica si consigliano, con l'intervento chirurgico, generalmente almeno 10 giorni.

Un cordiale saluto.
[#14] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Caro dottore, l aggiorno per dirle che mercoledi scorso ho effettuato la scleroembolizzazione, ho passato due giorni a letto e il terzo giorno ho iniziato una vita domestica normale senza effettuare grossi sforzi, in questi giorni ho avvertito leggeri fastidi al testicolo sinistro simile a queli che avevo per il varicocele... ieri però in seguito ad un erezione durata una decina di minuti ho avuto delle vere e proprie fitte al testicolo snistro, a tal punto volevo chiederle devo evitare anche di eccitarmi con la mia compagna o deve essere evitato solo l attivita sessuale per la pressione esercitata a livello addominale dalla contrazione muacolare? La ringrazio in anticipo...
[#15] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

qualsiasi attività sessuale tende a stimolare la contrazione della muscolatura che interessa il funicolo spermatico e le strutture che esso contiene e quindi è meglio evitarle.

Un cordiale saluto.
[#16] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Dottore grazie per la risposta... Quindi devo evitare l'atto sessuale e la masturbazione o devo evitare anche l'erezione? E per quanti giorni? Il radiologo che ha fatto la procedura mi disse 7/10 giorni, l urologo invece mi ha detto MINIMO 14 giorni...
[#17] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Dieci giorni vanno bene.
[#18] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Dottore questa notte ho avuto una polluzione notturna, cosa davvero strana che non mi capitava dall'adolescenza, mi sono svegliato subito dopo e ho avvertito dei piccoli dolori nella zona inguinale di sinistra.
Pensa che ciò possa compromettere l'operazione portando una recidiva?

distinti saluti
[#19] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Tranquillo, non è un motivo per temere una recidiva.

Ancora un cordiale saluto.
[#20] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Egregio Dott. Beretta sono gia passati 9 giorni dall'operazione, i fastidi al testicolo sinistro non sono scomparsi, avverto una certa dolenzia che sporadicamente si trasforma in delle vere e proprie fitte al testicolo sinistro e che delle volte si estende all inguine... domani saró al decimo giorno, volevo chiederle se questi piccoli fastidi continuano posso interrompere l astinenza o devo prolungarla? Distinti saluti
[#21] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se la dolenzia dovesse continuare, non interrompa l'astinenza sessuale e, appena possibile, risenta il suo urologo di riferimento.

Un cordiale saluto.
[#22] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Dottore sono passate circa tre settimane, la dolenzia al testicolo sinistro continua, dolore che aumenta alla palpazione dello stesso, talvolta sento fastidio anche all'inguine.
Ho sentito il radiologo che ha fatto l'intervento e mi disse che è normale avvertire certi fastidi visto che l'intervento è stato effettuato da appena 3 settimane e di prendere quando necessario un antiinfiammatorio.
Cosa ne pensa lei? Ho paura che qualcosa sia andato storto e che magari si sia alterata la vascolarizzazione del testicolo e magari porti ad un'atrofia....
[#23] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

non metta il carro davanti ai buoi e non drammatizzi.

Segua ora le indicazioni ricevute dal suo radiologo; altri dubbi sentire in diretta eventualmente un'altra campana e comunque ci riaggiorni.

Un cordiale saluto.
[#24] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Ma che tipo di anti infiammatorio è preferibile utilizzare, lui non ne ha specificato uno, un classico fans tipo OKI oppure un corticosteroideo come BENTALAN?
[#25] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

come forse anche lei sa, da questa postazione, senza avere visto nulla di diretto, non è consentito dalle linee guida, sicuramente da lei lette, indicarle una strategia farmacologica mirata; atteggiamento deontologico per altro poco corretto da parte di un medico serio.

Se non ha ricevuto indicazioni terapeutiche mirate da parte del suo radiologo lui ora deve risentire che sicuramente ha potuto valutare e seguire in diretta la sua particolare situazione post-chirurgica.

Ancora un cordiale saluto.
[#26] dopo  
Dr. Raffaele Prudenzano
44% attività
16% attualità
20% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Gentile Utente leggo ora il post percui mi scuso se il contributo è un pò tardivo .
Come le avrà già sottolineato il Collega prima di me ed anche ovviamente il Collega che l'ha operata,a scleroembolizzazione transcatetere percutanea del varicocele sn viene realizzata iniettando una schiuma di atossisclerol al 3% (o similari) e aria (e una "endoclipip" amagnetica ma non sempre) in pari quantità percui le vene del plesso pampiniforme non essendo più rifornite dalla vena spermatica tendono col tempo ad occludersi spontaneamente (quindi le sentirà un fastidio in sede scrotale e inguinale) e poi a scomparire del tutto.
Stia tranquillo pure riguardo alle recidive tuttosommato pari ad un buona chirurgia se ovviamente la scleroembolizzazione è stata eseguita in un Centro Qualificato.

Le allego anche un nostro articolo
http://www.medicitalia.it/minforma/radiologia-interventistica/536/la-sc