Utente 360XXX
Salve sono una ragazza di 22 anni, vorrei esporre il mio problema, tutto è cominciato due mesi fa esattamente il 24 luglio, di notte comincio a sentirmi male, mi gira la testa, senso di nausea, e alla fine vomito. L' indomani mattina mi sono svegliata sempre con la testa che mi girava e un disturbo allo stomaco che in seguito è stato curato come una gastrite.
Il vero problema però è sempre rimasto cioè questo giramento di testa che mi perseguita tutto il giorno. Inizialmente era talmente elevato da costringermi a rimanere a letto perchè bastava camminare un pò e mi sentivo come svenire, con il passare delle settimane si è un pò alleviato e adesso riesco ad uscire senza avere queste vertigini, ma , mi rimane comunque come una sensazione di stordimento , mi sento stordita come se mi avessero fatto quella punturina che fanno prima di un' anestesia per stordire. Ho fatto diversi tipi di analisi ho cominciato con le analisi al sangue dove , come valori sballati risultano solo questi:
MPV 11.4 Valori di riferimento 7.2 - 11.1
Leucociti 3.47 Valori di riferimento 5.20 - 12.40
S-ALT (GPT) 40 Valori di riferimento 10 - 31

Queste analisi risalgono al 22 agosto 2014. Il mio medico mi ha fatto fare degli esami per l' epatite visto i risultati del fegato , il risultato è stato negativo , cosi mi ha semplicemente dato delle pillole di cui non ricordo il nome per far abbassare questo valore. Ma il problema non era questo, sono stata anche al pronto soccorso dove mi hanno fatto una tac alla testa ma non risultava nulla. In seguito sono stata dal neurologo che mi ha prescritto le samyr la mattina e un quarto di pillolina deniban la sera. dopo 10 giorni mi sentivo ancora stordita, cosi mi ha detto di sospendere perchè non era un problema neurologico. Dopo sono andata da un otorino che mi ha controllato anche naso e gola e mi ha detto che dal suo punto di vista non c' è nulla, e adesso mi hanno detto di provare a fare un ecodoppler TSA e di ripetere quelle analisi per vedere se è cambiato qualcosa. Io vorrei un consiglio ,se qualcuno può aiutarmi perchè questa situazione è invalidante per me non posso concentrarmi a fare niente perchè questa sensazione di stordimento aumenta , non posso più vivere una vita normale.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, poiché il suo disturbo permane nonostante le indagini e le cure del caso le suggerirei di non trascurare una possibile causa di vertigine spesso dimenticata: la disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) . Del resto anche la letteratura scientifica riferisce che quando alcuni sintomi di usuale pertinenza otorinolaringoiatria non sono sostenuti da problemi otologici, o non se ne trova la soluzione , è al possibile conflitto fra condilo mandibolare e orecchio che bisogna rivolgere qualche attenzione.
La vertigine, di questi sintomi è forse il più tipico.
Pertanto le consiglierei di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare e di rapporti fra questa e l’orecchio: non tutti i dentisti coltivano questa sottospecialità.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema.
Cordiali saluti ed auguri.


http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1408-vertigine-pertinenza-odontoiatrica.html
Malattia di Meniere e Disfunzioni dell'Articolazione Temporo Mandibolare http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/745-malattia-meniere-disfunzioni-articolazione-temporo-mandibolare.html
http://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-disfunzioni-articolazione-temporo-mandibolare-atm.html
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."
[#2] dopo  
Utente 360XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dottore, la ringrazio per il suo interesse per la mia domanda.
Cercherò senza dubbio un dentista-gnatologo per farmi visitare, e vorrei sottolineare che le vere e proprie vertigini sono passate da un pò, adesso ciò che mi tormenta e questa sensazione di stordimento e confusione mentale accompagnata spesso da mal di testa. Tra l' altro ho notato che se mi applico a fare qualcosa ad esempio scrivere, fare la spesa o altro questo stordimento aumenta e sento un fastidio agli occhi un pò come se volessero andare per conto loro. I problemi dell' articolazione temporo mandibolare possono quindi creare questi sintomi?? e cosa più importante c' è una cura? cioè si può effettivamente guarire? Ho letto i link che mi ha postato e più che dire i sintomi parlano in modo molto tecnico della patologia.

Cordiali Saluti.
[#3] dopo  
Utente 360XXX

Iscritto dal 2014
Gentile Dottore , ho cercato su internet i sintomi della patologia di cui mi ha parlato e ho trovato :
La sindrome temporo-mandibolare è caratterizzata essenzialmente da una limitata e difficoltosa apertura della bocca. A volte la mandibola può bloccarsi in una determinata posizione e tutti i movimenti successivi (sbadigli, masticazione) producono uno scricchiolio e dolere improvviso. Possono inoltre comparire dolore (non solo a livello dell'articolazione ma anche al collo e al volto), cefalea, mal di denti, indolenzimento dei muscoli mandibolari, dolore interno a livello delle orecchie, vertigini e ronzii.

Se non ho capito male il principale sintomo è a difficoltà ad aprire bene la bocca, cosa che io non ho , perchè apro la bocca tranquillamente , possono comunque esserci casi in cui il paziente soffre di ATM e non ha nessuna difficoltà ad aprire la bocca?

Cordiali Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, le caratteristiche da lei trovate nel Web si riferiscono ad una patologia dell'ATM ormai conclamata e con chiara componente anatomica e meccanica: ciò accade solitamente dopo molti anni in cui l'ATM é in disfunzione. Nel bambino, ad esempio, questo grado di gravità è molto raro, perché non c'è stato il tempo per l'aggravamento. Anche lei é giovane.
" Possono inoltre comparire dolore (non solo a livello dell'articolazione ma anche al collo e al volto), cefalea, mal di denti, indolenzimento dei muscoli mandibolari, dolore interno a livello delle orecchie, vertigini e ronzii"
Tutto ciò, e altro ancora, può essere comunque presente anche se la bocca si apre senza difficoltà.
se ha aperto i link del precedente mio messaggio , sa anche come solitamente si organizza la terapia:

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Cordiali saluti ed auguri
[#5] dopo  
Utente 360XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dottore la ringrazio della sua risposta , a questo punto credo proprio che farò anche questo tipo di visita e vediamo se riusciró a risolvere questo problema che mi rende la vita impossibile.

Cordiali saluti