Utente 361XXX
Salve dottori,sono una ragazza di 26 anni che da 12 non riesce ancora ad avere una diagnosi. Ormai quasi rassegnata tento anche qui con voi. Dall eta' di 14 anni i miei strani sintomi si fanno sempre piu numerosi. Ho sempre sofferto di tachicardia parrossistica da rientro che inizialmente pensavano tutti fosse ansia. Dopo 8 anni sono riuscita a "farmi credere"e feci un esame elettrofisiologico.battiti fino a 260 al minuto.Cosi con rytmonorm 125 tre volte al di le mie crisi diminuirono a 2 volte l anno. ad ottobre scorso ho fatto un ablazione,che non ha risolto nulla,uscita dalla sala operatoria ho iniziato ad avere extrasistoli continue,ogni tre battiti. Dopo 2 settimane si scatena un susseguirsi di extrasistoli e crisi tachicardiche che durano circa mezz'ora e inizio a prendere rytmonorm 325 due volte al di'.Non ho crisi tachicardiche ma i sistomi che mi impediscono di avere una vita normale persistono e peggiorano.Stanchezza e affaticamento continuo,tanto da impedirmi lo svolgimento normale della routine quotidiana.Ho due bambini e mi basta scatenarmi qualche secondo con loro che il fiato inizia a mancare.a volte basta salire le scale di casa per sentirmi "vibrare il cuore e a parte il fiatone ci vuole una lunga ripresa. Dopo uno sforzo fisico,come prendere due buste della spesa,sento come se avessi una bolla d aria tra il cuore e la gola e sento delle aritmie come se stesse per scatenarsi la tachicardia.a volte dopo un giorno mi sento talmente stanca da sentire il cuore affaticato e una strana sensazione come dopo aver preso una botta al muscolo,sento gli occhi girarsi e difficolta a respirare,quasi boccheggiare. la notte a volte capita che quando mi sveglio, e non di soprassalto, ho tachicardia con battiti non ben definiti, sono battiti veloci e deboli,che sento in tutto il corpo, con sensazione di tremore interno e riesco a riprendermi dopo una ventina di minuti.Le exrasistoli si presentano anche prendendo un dosso nella strada,o se uno dei miei figli dovesse sbattermi sul petto o nella schiena salta un battito e il cuore decellera come se facesse fatica a battere e mi si blocca quasi la respirazione.lo stesso accade con il singhiozzo gli sbadigli,soprattutto al mattino appena sveglia,quando sento una forte pressione in tutto il corpo,in tutta la circolazione sanguigna. un altro strano sintomo e col calore nelle mani,emanato o dal ferro da stiro,o dal cellulare stesso o dal pc,dopo un qualche minuto in cui sento questo calore alle mani inizio a sentire quella strana sensazione di tremore in tutto il corpo fino al cuore,che sento affaticato e debole. mi scuso se mi sono dilungata e se non sono riuscita ad esprimermi meglio,ma e' davvero difficile farmi capire.Tutto questo va' avanti da anni,e non soffro d'ansia,quindi vi prego di non dirmi che puo'essere ansia,perche ho avuto 12 anni per capire che non lo e'.Spero solo in una diagnosi e attenzione mai avuta.
Grazie per l attenzione spero in una vostra risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
L'unico consiglio che posso darLe è di fare un holter documentare le aritmie e se ancora presenti, le tachicardie parossistiche, recarsi in un buon centro di elettrofisiologia e ripetere la procura di ablazione. E' l'unica strada per interrompere questo circolo vizioso che non può' che incrementare la sua ansia. Tuttavia si ricordi per essere sottoposta ad un altro studio e necessario avere la documentazione elettrocardiografia del problema. Se gli eventi sono così frequenti non dovrebbe essere un problema. Lo stesso dicasi per le extrasistoli. Se sono frequentissime ( migliaia nelle 24 ore) si puo' risolvere il problema con l'ablazione
saluti
[#2] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno e grazie per la risposta. Di hitleriana negli anni ne ho fatti a migliaia e non siamo mai riusciti a beccare nulla, il mio cuore è sanissimo e le extrasistoli sono sopraventricolari. Come già detto è il no malessere quotidiano che mi ha stancata, nonostante dopo tutti questi anni ci convivo tranquillamente e le crisi tachicardiche non le ho più da quasi un anno. Vorrei pertanto che fosse considerato che i miei disturbi possano essere causati da qualcos'altro soprattutto questa stanchezza e affaticamento continuo. Il mio ecocardiogramma presenta solo una lieve insufficienza pompò rare che mi hanno detto di ignorare completamente.
[#3] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Mi correggo. "Holter", e insufficienza polmonare . Scusi ,
[#4] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
non esistono cause o ragioni che giustifichino i suoi sintomi legate al cuore se gli esami che ha fatto sono normali. Pertanto se vuole indagare la sua stanchezza la strada è un altra e non è di competenza cardiologica. Si rivolga ad un buon internista

saluti
[#5] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
SalveDott. Ho ripetuto lo studio elettrofisiologico giorno 27 ottobre. Dall esame è risultato che la precedente ablazione è andata a buon fine.ho avuto uno pneumotorace in quanto mi hanno inserito le sindone dalla vena succlavia e adesso si sta risolvendo. Solo che da allora ho delli spansi dal collo al petto e nell inguine, dove mi hanno anche inserito le sindine e ho tantissime extrasistole. Vorrei capire come mai, se devo conviverci. La mia terapia con rytmonorm è stata sostituita con metaprololo in quanto ho i battiti accellerati.