Utente 347XXX
Gentili professionisti,

A meta' dello scorso Luglio, dopo l'assunzione di 5mg di Tadalafil, 2 giorni dopo mi sono risvegliato con un acufene piuttosto acuto nelle orecchie che non e' mai sparito, per quanto al momento si e' abbastanza attenuato. Premetto che non ho mai avuto problemi di udito prima di allora e che il Tadalafil da 5mg l'ho preso solo 4 volte a distanza di una settimana uno dall'altro.

Sta di fatto che da allora ho cominciato a perdere udito, prima era solo un'impressione non convinta, poi sono cominciate distorsioni auditive (principalmente con voci acute). Verso meta' Agosto mi sono recato da un audiologo che mi ha diagnosticato perdite intorno ai 20db principalmente nelle frequenze basse e alcune emissioni otoacustiche mancanti (ma, secondo lui, non era un problema visto che per esempio a lui mancavano tutte).

Via via che passavano le settimane la mia impressione era che l'ipoacusia peggiorasse.

Nel frattempo ho effettuato altri 3 audiogrammi che hanno mostrato un progressivo peggioramento, con punte di 30+db ai 3000hz. L'ultimo professionista che mi ha visitato (che pare che sia un luminare) mi ha detto che ho una leggera ipoacusia bilaterale e che non avrei dovuto prendere alla leggera il fatto delle otoemissioni acustiche mancanti e che non capiva come il medico precedente possa aver preso la cosa alla leggera. Mi ha fatto ripetere l'esame delle otoemissioni (che e' risultato pressoche' uguale, 2 su 5 presenti da una parte e 3 su 5 dall'altra). I riflessi strapediali sono migliori all'orecchio destro, peggiori al sinistro che risulta meno sensibile (dove ho il picco di 30+db ai 3000hz) Mi ha fatto fare delle analisi del sangue (emocromo completo, vitamina d, anticorpi vari). I risultati degli esami dovrebbero esser pronti la prossima settimana, tranne quello degli anticorpi che invece ci mette 3 settimane (per verificare se ho un problema "autoimmune" o qualcosa del genere).

Il mio timore e' che l'ipoacusia continui a peggiorare in tempi relativamente brevi, questo perche' da meta' luglio ad oggi il peggioramento e' stato lento ma costante. Potreste darmi un parere in merito?Cosa mi consigliate di fare?

Tra le altre cose, ho avuto qualche problema con un dente devitalizzato che ogni tanto mi da problemi/perdite (che il mio dentista ritiene siano gengivali piuttosto che del dente in se e per se e che a vista, secondo lui, sembrano risolte). Se ci fosse un'infezione sotto la corona, potrebbe questa produrre tossine ototossiche?

Grazie per il vostro parere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
283864

Cancellato nel 2015
Gentile Utente,
innanzitutto la vorrei tranquillizzare circa la possibilità che l'infezione alla corona (che peraltro il dentista esclude) possa produrre tossine ototossiche.
Secondo, per il mio modo di lavorare le consiglio di scegliere un solo professionista a cui affidarsi e di ripetere gli esami uditivi sempre dal medesimo specialista... sembra una banalità ma piccole differenze, perchè è di questo che si discute, tra un esame ed un altro hanno un significato clinico solo se effettuate nelle medesime condizioni e con il medesimo strumento.

Aspettiamo sue notizie,
cordialmente