Utente 263XXX
Gentili dottori, volevo porle all'attenzione il risultato dell'esame (rettosigmoidocolonscopia) eseguito da mio padre (eseguito in seguito a dolori al basso addome e presenza di sangue occulto nelle feci), premetto che soffre da tempo di emorroidi:

- Presenza di marische;
- Nulla alla esplorazione digitale del retto;
- L'esame endoscopico viene condotto fino a 21 cm dall'ano dove si osserva una neoformazione vegeto-stenosante, invalicabile dallo strumento, che viene bioptizzata per esame istologico.

I medici hanno predisposto il ricovero per eseguire l'intervento.

Voi cosa potete dirmi?

Vi ringrazio di cuore per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Cara Utente,

Senza dubbio, trattandosi di una neoformazione (oltretutto vegetoSTENOSANTE, ossia che tende a diminuire il lume dell'intestino, impedendo il corretto passaggio delle feci) è indicata l'asportazione. Il risultato dell'esame istologico senz'altro aggiungerà nuovi elementi di caratterizzazione della suddetta formazione.

Con i migliori auguri,

Saluti

Dr. Carlo Pastore
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
L'intervento chirurgico è purtroppo indispensabile. Suggerirei di completare lo studio del'intero colon mediante una colonscopia o un clisma opaco con doppio mezzo di contrasto. Le emorroidi sono irrilevanti.
[#3] dopo  


dal 2008
Grazie per la vostra attenzione e cordialità.

Volevo chiedervi un'altra cosa, secondo la vostra esperienza, che probabilità ci sono che si tratti di un tumore maligno?
I medici hanno detto che quasi sicuramente lo è, ma ciò lo hanno aggiunto attenendosi al suddetto referto, senza aver eseguito ulteriori esami

grazie
[#4] dopo  


dal 2008
Dimenticavo di dire che mio padre ha 71 anni
[#5] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Purtroppo la descrizione macroscopica depone per un sospetto elevato
[#6] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

concordo con il Collega Dott. Piscitelli; sicuramente, comunque, l'esame istologico aggiungerà elementi importanti di valutazione.

Cari saluti

Dr. Carlo Pastore
[#7] dopo  
Dr. Stefano Enrico
24% attività
4% attualità
12% socialità
ORBASSANO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Purtroppo il risultato dell'esame endoscopico non lascia sperare bene. la sede della lesione ne permette comunque l'asportazione abbastanza agevole, e se il paziente è ben preparato non c'è bisogno di ricorrere a derivazioni di feci (colostomia, ovvero "il sacchetto") se non in pochi casi. Molto dipende poi dalla stadiazione , ovvero dalla valutazione dell'estensione della malattia, che i collaghi curanti saranno senz'altro precisi nel fare. Auguri, Stefano Enrico