Utente 361XXX
Buongiorno,avrei bisogno di un parere, la mia situazione è abbastanza semplice la descrivo brevemente:
Precisamente un anno fa , dopo diversi mesi di dolori alla parte bassa della schiena, decisi di andare dal mio medico, il quale dopo una breve visita mi consiglio di fare una risonanza magnetica alla schiena ed a seguito di questa una visita dal fisiatra.Preciso che ho 26 anni, sono alto 170cm x 73kg, fino a qualche mese fa andavo da anni regolarmente in palestra e per lavoro mi capita anche di fare 100km al giorno seduto in auto.Comunque Il risultato della risonanza fu (riporto parte del referto):
Sono presenti aspetti involutivi dell'unità disco-somatica di l4-L5, con riduzione della componente idrica e dello spessore discale; più marginali fenomeni degenerativi conivolgono anche L5-S1.
Spazio L2-L3 ed L3-L4 non significativa protrusioni od ernie discali.
Spazio L4-L5: discreto bulging discale, più marcato in sede mediana, dove determina impronta del sacco durale.
Spazio L5-S1: bulging discale più pronunciato in sede mediana-paramediana sinistra. Canale Vertebrale di normale ampiezza. Conservata intensità del segnale midollare e delle radici della cauda. Sono presenti fenomeni degenerativi interapofisari, con quota fluida tra le faccette a livello degli spazi L3-L4, L4-L5 ed L5-S1.
Mentre dopo aver visionato il referto della risonanza e dopo avermi visitato il fisiatra mi refertò con: Recente insorgenza di lombalgia non irradiata non deficitoria. RL-S: protrusioni centrali, non significative. Per poi prescrivermi 10 seduto di fisioterapia/ginnastica per potenziamento addominale e paravertebrale, che ho seguito immediatamente dopo , ma sinceramente senza significativi miglioramenti.
Ora da un anno a questa parte, il dolore acuto è passato, ma ogni tanto,in media ogni 40/50 giorni quella zona della schiena diventa nuovamente dolorante per più o meno una settimana per poi riaddormentarsi.
A questo punto la mia domanda è:
In questo periodo Ho sentito parlare molto di glucosamina da amici che praticano body building per aiutare le articolazioni, può nel mio caso aiutare a rinforzare quella zona dolorante, fare dei cicli integrando la glucosamina un paio di volte all'anno? In modo da evitare quella settimana di dolore che puntualmente capita, e soprattutto aiutarmi ad evitare che quelle protrusioni si trasformino in ernie. Ho in casa una confezione di glucosamina solfato in compresse da 750mg di una nota marca, ancora sigillata e non ancora scaduta, quanta ne dovrei assumere?
Grazie per l'attenzione,
Distinti Saluti
[#1] dopo  
Dr. Silvio Boer
28% attività
8% attualità
16% socialità
TORRE PELLICE (TO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Caro Utente non esiste nessun razionale scientifico che mi risulti possa giustificare l'utilizzo della Glucosamina nel tipo di patologia che ci riferisce. Già l'utilizzo nelle patologie degenerative articolari è controverso e fortemente spinto da alcune case farmaceutiche per interessi di tipo commerciale essendovi un grosso interesse legato a patologie degenerative quali l'Artrosi che interessano ampie fasce di utenti anche legate all'invecchiamento della popolazione. Inoltre 26 anni sono veramente pochi per pensare di dover fare uso e abuso di farmaci anche se non antinfiammatori. La sua patologia è legata ad una componente di tipo meccanico e posturale con interessamento della componete discale e quindi le indicazioni al trattamento sono di tipo Fisiatrico e di qualità e stile di vita non di tipo medicamentoso. La palestra può essere una valida indicazione a fare della attività fisica utile alla sua schiena ma non si lasci influenzare da false indicazioni su automedicazioni con integratori comprate a volte e con troppa faciloneria e contro le norme vigenti su Internet. Sperando di esserle stato di aiuto un cordiale saluto, Dr.Silvio BOER