Utente 361XXX
durante una risonanza magnetica per controllo tumorectomia renale dx mi viene evidenziata una piccola area a livello della coda del pancreas del diametro di circa 8 mm.
ho eseguito Pec-Tc TomoSCINTI : Conclusioni: il reperto descritto alla coda del pancras è compatibile con lesione a patologica espressione dei recettori per la somatostatina.
Devo sottopormi a intervento chirurgico come consigliato?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
12% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, dall'esito degli esami riportati sembra trattarsi proprio di un tumore neuroendocrino della coda del pancreas con elettiva ed esplicita indicazione all'intervento chirurgico di resezione della coda pancreatica più o meno estesa al corpo , in base alle caratteristiche istologiche della neoplasia, ma con preservazione della milza.
Tale intervento lo si può eseguire molto bene e in totale sicurezza in videolaparoscopia con tutti i vantaggi che tale tecnica offre.
Disponibile per ulteriori chiarimenti invio distinti saluti.
[#2] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dottore la ringrazio molto, è un intervento da fare in fretta?
[#3] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
12% attualità
12% socialità
TERMOLI (CB)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Gentile utente, considerato che molti NET hanno lenta evoluzione spontanea , si sottoponga all'intervento senza precipitarsi affannosamente ma secondo il tempo necessario alla preparazione della fase pre-operatoria.
Inoltre pur riconoscendo che attualmente vi sono disponibili varie opzioni e strategie terapeutiche per i NET, considerate sempre all'interno di un approccio integrato e multidisciplinare, ribadisco comunque che la terapia chirurgica costituisce il trattamento d’elezione, particolarmente efficace quando radicale nei confronti del tumore primitivo, specie se di piccole dimensioni, come nel suo caso.
Ulteriormente l'intervento chirurgico permetterebbe di chiarire le caratteristiche istologiche del NET, atteso che , in base alle indicazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), si suddividono in tumore neuroendocrino ben differenziato, carcinoma neuroendocrino ben differenziato, carcinoma neuroendocrino scarsamente differenziato, carcinomi misti eso-endocrini e lesioni similtumorali.
Sempre disponibile invio distinti saluti.





.


[#4] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Grazie molte dottore, mi atterrò alle sue indicazioni