Utente 361XXX
Buonasera, vi sottopongo il mio caso dopo un periodo di corsa su tapis roulant di circa un mese ho iniziato ad accusare un dolore sulla parte posteriore destra del ginocchio, puntualmente ho interrotto l'attività ed il dolore dopo poco è scomparso. A fine Agosto il giorno seguente ad un'escursione in montagna, al risveglio il ginocchio ripresentava gli stessi sintomi e per tutto il mese di settembre si sono avvicendate fasi acute con forte zoppia e fasi meno acute, qualche tempo fa mi è stata diagnosticata una spondilo artrite negativa indifferenziata per tale motivo mi sono recato da un reumatolo che mi ha prescritto del brufen 600, durante il trattamento prottratto per 15 gg i dolori continuavano ad avere una manifestazione altalenante, in seguito sempre sotto trattamento ho effettuato una radiografia che non ha evidenziato nulla, altrettanto dicasi per l'ecografia. Da un mese ho interrotto il brufen l'indolenzimento è presente e manifesta la sua fase acuta durante l'estensione dell'arto sinistro durante il tentativo di contrarre il muscolo della coscia e tendere il piede verso il ginocchio. Oggi ho ricevuto l'esito della risonza che in cui è riportato :
L'esame ha messo in evidenza un ispessimento e disomogeneità del segnale del legamento crociato anteriore da esiti distrattivi delle sue fibre con conservata la continuità legamentosa.
Segni di tendinosi dell'inserzione prossimale del tendine rotuleo; si associa un ispessimento dei tessuti molli della regione prepatellare.
condromalacia femoro patellare di grado I-II sul versante mediale e laterale e a livello della troclea femorale.
Segni degenerativi del corno posteriore del menisco mediale senza immagini riferibili a lesioni nè segni di condropatia femoro-tibiale.
Degenerazione del corno anteriore del menisco laterale senza immagini riferibili a segni condropatia.
Regolari per morfologia ed intensità del segnale del legamento crociato posteriore, i legamenti collaterali e l'inserzione patellare del tendine del muscolo quadricipite.
Sottile falda fluida in sede retropatellare, in sede intercondiloidea mediale e tra le strutture sul pivot centrale.
Ringraziandovi anticipatamente per le valutazioni che vorrete offrirmi.
Cordialmente
[#1] dopo  
Dr. Daniele Pili
24% attività
8% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Buongiorno

La sua risonanza ha evidenziato varie possibili cause del dolore che lei sente.
Cio nonostante questo non significa che siano tutte un problema e che meritino tutte un trattamento.
Vorrei per ciò cercare di capire meglio il suo problema principale.
Da quello che dice mi sembra che il suo problema sia principalmente legato alla sintomatologia dolorosa nella parte posteriore del ginocchio.
Vorrei sapere se avverte dolore nella parte interna o quella esterna?
Vorrei sapere se ha anche una sensazione di ginocchio instabile, che cede?
Oltre a queste informazione sarebbe meglio fare una visita per valutare di persona o sapere cosa le ha detto il suo ortopedico durante la visita.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Buonasera Dr. pili in risposta ai suoi quesiti:
Il dolore si manifesta sempre nella parte posteriore esterna. In fase acuta più che sentire il ginocchio cedevole ho difficoltà ad estenderle l'arto e mettere in tensione i muscoli della coscia.
Ho prenotato una visita ortopedica e posterò la diagnosi del medico.
Ringraziandola per la cortese attenzione.
saluti