Utente 360XXX
Salve,
verso fine luglio ho subito un trauma improvviso in palestra mentre stavo facendo distensioni con manubri su panca inclinata. dopo un giro a vuoto presso un ortopedico impreparato mi sono fatto visitare da un altro ortopedico specializzato nella spalla il quale dopo avermi fatto fare artro RM ha sentenziato slap lesion e un intervento in artroscopia come terapia.
Non essendo assicurato e non potendo permettermi di pagare di tasca mia non credo attenderò i 9 mesi d'attesa che mi hanno indicato (non so se possono fare i nome ma parlo di una struttura di Milano).
Sto cercando un'alternativa inoltre mi sono sorti un po' di dubbi:
- L'ortopedico mi ha consigliato di non fare nulla, tenere allenata la muscolatura interessata è assultamente sconsigliata?
- Nel tempo libero sono solito frequentare posti affollati, urti accidentali che possono accedere è fondamentale evitarli durante il periodo con il tutore o per un periodo maggiore?
- Dopo quanto potrò riprendere a svolgere un lavoro da ufficio? trattasi del braccio forte con il quale scrivo e uso il mouse?
- Per muovermi in città utilizzo lo scooter dopo quanto tempo indicativamente potrò riprendere? Per l'auto ho letto 2 mesi, potrebbe essere anche meno?
- La fisioterapia andrà fatta tutti i giorni?
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Come avrà avuto modo di sapere, la SLAP LESION TIPO II è una lesione dell'ancora bicipitale sulla glena con degenerazione del labbro corrispondente.
In questi casi è opportuno una valutazione clinica per stabilire bene il quadro clinico e decidere il da farsi.
Se il collega ha ritenuto di porre indicazione ad intervento chirurgico avrà certamente i suoi validi motivi.
A noi consulenti on line non è dato di acquisire informazioni cliniche e per questo motivo le nostre rispote sono piuttosto generiche e non specifiche.
Per quanto riguarda le domande che ha posto devo rispondere che un consiglio giusto è: prudenza.
Prudenza nel non affaticare la muscolatura
Prudenza nel non frequentare ambienti dove può esporsi al richio di cadute e altro
Prudenza nel riprendere la normale attività poiché dipende dal grado di risposta alla guarigione
Prudenza nell'utilizzo di mezzi di locomozione.
Auguri