Utente 270XXX
Buonasera,
ho effettuato una visita per l'idoneità al trattamento laser per la correzione della miopia.
L'occhio con cui vedo meno presenta una miopia di 4 diottrie.
La pachimetria effettuata misura uno spessore centrale corneale di 590 micron.
Mi è stato proposto l'intervento con femto-laser;

Vorrei chiedere : a seguito dell'operazione quale sarà, pressapoco, lo spessore residuo?
Con tale spessore, si potrebbe incorrere in complicazioni di ectasia corneale?
Dopo quanto tempo dall'operazione si può considerare escluso il rischio di ectasia corneale ?
Con tali parametri, perché si esclude un intervento PRK ?

Cordialmente ringrazio e porgo distinti saluti.
[#1] dopo  
Dr. Carlo Orione
52% attività
12% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Le rispondo dopo ogni domanda:

a seguito dell'operazione quale sarà, pressapoco, lo spessore residuo?
DIPENDE MOLTO DAL TIPO DI LASER, IN MEDIA 4D TOLGONO CIRCA 100 MICRONS

Con tale spessore, si potrebbe incorrere in complicazioni di ectasia corneale?
NO

Dopo quanto tempo dall'operazione si può considerare escluso il rischio di ectasia corneale ?
SE RIMANGONO ALMENO 350 MICRONS NON CI SONO PROBLEMI

Con tali parametri, perché si esclude un intervento PRK ?
LA PRK E' UNA TECNICA ORMAI OBSOLETA CHE VIENE ESEGUITA IN RARI CASI IN CUI NON SI PUO' EFFETTUARE LA MODERNA FEMTOLASIK

Cordiali saluti