Utente 362XXX
Buonasera,desidero avere un consulto riguardante il mio problema di fertilita'.Ho da poco scoperto, dopo controlli indicatimi dal mio medico curante, di essere azoospermico.Avevo dolori ai testicoli e senso di pesantezza alla scroto.Lo spermiogramma e' stato effettuato presso il laboratorio analisi della asl della mia citta'.Questi i risultati: volume 4,ph 7.8,aspetto acquoso,fluidificazione fisioIogica,viscosita' diminuita,globuli rossi rari,globuli bianchi rari.In contemporanea ho effettuato un' eco color-doppler scrotale con la diagnosi di testicoli regolari per dimensioni ed ecostruttura(solo una piccola cisti all'epididimo sn e un lieve varicocele di grado 1) e dosaggi ormonali con i seguenti valori:
TSH 1.27
FT3 2.70
FT4 0.97
FSH 11.3
LH 2.6
PROLATTINA 4.5
17-OH-PRG 1.28
TESTOSTERONE 4.04

Successivamente mi sono rivolto ad uno specialista andrologo, che mi prescritto un esame ecografico transrettale della prostata, anche se secondo lui il problema e' di tipo secretivo, dato il valore di fsh non ottimale.Il referto dell'ecografia prostatica recita:" La prostata,esaminata con sonda monoplanare trans-rettale,appare di dimensioni ai limiti superiori della norma(diametro traverso cm 4,09)Ecostruttura diffusamente e finemente disomogenea(a carta geografica), con aree ipoecogene flogistiche(soprattutto nella ghiandola anteriore),frammiste ad aree normoecogene,con aumento del pattern vascolare parenchimale(soprattutto nelle zone di flogosi), con presenza di cisti da ritenzione centroghiandolare (mm 6,8 circa), oltre ad alcuni microcalcoli puntiformi raccolti a grappolo.Le vescicole seminali presentano calibro lievemente ectasico(diametro max mm8,2),ad ecostruttura disomogenea cistica lacunare".L'andrologo mi ha prescritto una cura di ciproxin e topster a supposte piu' keratose per circa due settimane per questa sospetta prostatite.Al termine di queste due settimane ha voluto nuovamente valutare il liquido seminale nel suo laboratorio,dove e' rimasto in silenzio,non dicendomi nulla riguardo i valori,ma facendomi capire che il problema permane, mi ha indicato di effettuare un Gnrh test per valutare la funzionalita' dell'ipotalamo ed ipofisi.Con quel valore di fsh e' sicuramente un'azoospermia secretiva?E' giusta la procedura e l'iter di esami definita dallo specialista?Vi ringrazio anticipatamente per la risposta,aggiungendo che mi sono da poco sposato e con mia moglie deisideriamo un figlio,anche ricorrendo alla fecondazione assistita.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

giusta mi sembra l'ipotesi di una azoospermia secretiva.

Poco chiaro il motivo di un test al GnRH mentre potrebbe essere utile una attenta e completa valutazione citogenetica.

Comunque, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare problema riproduttivo, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html .

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2014
Dottore,La ringrazio per la sua celere risposta.Vedrò di effettuare al più presto esami citogenetici(cariotipo,microdelezioni del cromosoma y,etc..).Se dovesse trattarsi di tale problema,in funzione del mio valore di fsh,consiglierebbe qualche tecnica di recupero di spermatozoi?se si,le probabilità di trovare qualcosa sono poche?
Distinti Saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

ha un FSH mosso ma non "drammatico"; bisogna ora vedere l'esito delle indagini citogenetiche e poi capire con una attenta valutazione clinica diretta, associata eventualmente ad una ecografia delle borse scrotali, il volume reale dei suoi testicoli.

In sintesi questi sono i passi prima di decidere un eventuale recupero chirurgico di spermatozoi direttamente dal testicolo.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2014
Buonasera, a circa tre mesi di distanza torno ad aggiornare la mia situazione.
L'esito delle indagini citogenetiche e' risultato negativo,ovvero assenza di microdelezioni del cromosoma y,cariotipo normale.L'andrologo che ho consultato, in base al mio quadro clinico, ha ipotizzato un arresto maturativo della spermatogenesi, subito dopo aver visto i risultati della curva gnrh.Per quanto riguarda le dimensioni dei testicoli, l'ecografia scrotale che ho effettuato, come sopraindicato, non ha evidenziato nulla di particolare(dimensioni e forma normali).Ho due domande da porre:come possano influire le dimensioni dei testicoli in relazione ad un recupero chirurgico di spermatozoi?il valore di fsh,nel mio caso 11,3, puo' variare nel tempo, nel senso innalzarsi, rendendo cosi' difficile la probabilita' di recupero di spermatozoi?


Cordiali Saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Alle questioni da lei poste due sintetici ma precisi si !
[#6] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la tempestiva risposta.A questo punto, non c'e' tempo da perdere.Il prossimo passo credo sia quello piu' difficile per me e mia moglie.Ovvero scegliere un centro specialistico dove rivolgerci, dove tentare un recupero chirurgico degli spermatozoi, ben sapendo che potrebbero anche non esserci, giusto? ma soprattutto, essere trattati da persone umane, e non numeri, in particolar modo in queste situazioni delicate.E' questo che ci spaventa.Ha delle indicazioni a riguardo?E poi..non esiste alcun valore predittivo circa la probabilita' di trovare qualcosa nei testicoli, alla luce del mio quadro clinico?
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

vedo che ha ben compreso i nostri messaggi.

Sulla questione "indicare un Centro Specialistico preciso e mirato" le dico che questa non è la sede per una informazione così particolare e non di interesse generale.

Questo quesito comunque è bene porlo, in prima battuta, al suo medico di fiducia e poi, in altre sezioni del nostro sito, può sempre trovare un aiuto più specifico alla sua domanda.

Ancora un cordiale saluto.