Utente 284XXX
Salve.
Tra circa un mese subirò un intervento di esportazione del grasso dalla zona del petto.
Dando un occhiata su internet ho notato che diversi chirughi prima di effettuare l'intervento sottopongono il paziente ad un ulteriore controllo per verificare se c'è o meno la presenza della ghiandola mammaria...Cosa che a me non è stata fatta...La mia domanda è la seguente: Devo precisare questa cosa al medico prima dell'intervento o magari lui il giorno stesso dell'intervento capirà se c'è la ghiandola o si tratta solamente di togliere il grasso da quella zona ?...grazie per la vostra attenzione (ps: mi scuso in anticipo per la spiegazione forse poco "tecnica "ma spero si capisca ugualmente qual'è la mia perplessità)

Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Si definisce ginecomastia un aumento di volume della ghiandola mammaria ed è una patologia che non va confusa con la con la "pseudoginecomastia"(falsa ginecomastia) causata da un aumento di volume mammario dovuto al "grasso" sottocutaneo (lipomastia).
Se le è stato detto che l'intervento è di rimozione del grasso, probabilmente, il collega ha un quadro chiaro della sua situazione e ritiene che lei è affetto da una pseudoginecomastia.
Una ecografia sarà dirimente.