Utente 779XXX
Gentili Dottori di Medicitalia,
chiedo un Vostro consulto per un problema verificatosi durante un rapporto sessuale con la mia ragazza.
48 ore fa, è successo che durante il rapporto (con lei posizionata sopra di me), ho sentito un rumore simile ad uno schiocco di dita con a seguire un forte dolore al pene.
Questo dolore è durato all'incirca una decina di minuti e poi è andatoa piano piano via.
Ieri abbiamo piu volte provato ad avere un rapporto ma non sono riuscito ad avere un'erezione soddisfacente.
Solo oggi analizzando il mio pene ho notato che subito sotto il glande vi è uno spessore duro che si è formato, come se avessi un'anello sottopelle, ma se lo tocco non sento particolare dolore. La cosa che mi è balenata per la mente è la possibilità di una rottura del pene.
Cosa ne dite? è possibile o la mia disfunzione è solo una reazione psicologica al dolore provato!

Nella speranza di poterVi rileggere al più presto, porgo i miei più cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

quanto ci descrive è compatibile con un trauma al pene occorso durante rapporto sessuale. Probabilmente non siamo in presenza di una classica frattura del pene, in quanto in questo cao avrebbe notato un ematoma eidente. Nondimeno le consiglio una URGENTE valutazione andrologica, perchè è fondamentale valutare direttamente il pene e, se indicato, mettere in atto opportune strategie diagnostiche/terapeutiche del caso.
[#2] dopo  
Utente 779XXX

Iscritto dal 2008
Sono stato ieri sera al pronto soccorso di Parigi...(come se non bastasse sono in francia in questo momento!)
Il medico che mi ha visitato mi ha detto che secondo lui non c'è rottura ma un trauma. mi ha prescritto de paracetamolo 500mg per 5 giorni 2 pasticche 2/3 volte al giorno in funzione del dolore (ma dopo il forte dolore iniziale ora non ho particolare dolore). Cmq secondo lui non c'è bisogno di chirurgia d'urgenza in quanto non si presentano perdite di sangue o deformazione particolare del pene.
Mi ha cmq consigliato di prendere un'appuntamento da un urologo per saperne di piu.
Mi hanno dato appuntamento martedi mattina.
Secondo voi una cosa del genere può modifichare la mia attività sessuale futura?
consigli?
[#3] dopo  
Utente 779XXX

Iscritto dal 2008
Egregio Dott. Pescatori, grazie infinite per la tempestiva risposta e per la sua disponibilità.
Sono appena tornato dall'ospedale di Cochin specializzato in urologia. Una visita di un'urologa interna mi ha diagnosticato un forte trauma con un ematoma interno localizzato (quell'anello duro sottopelle descritto nel post) che dovrebbe essersi fermato. Non mi ha fatto nessun tipo di test. Semplicemente una visione del pene. Mi ha dato un'antinfiammatorio da prendere per 5 giorni il "Profenid 100mg". Secondo lei in versamento interno è fermo. Astinenza da rapporti senssuali per 15gg. L'ematoma si dovrebbe riassorbire nel giro di 15/30gg.
la disfunzione di erezione è dovuta al trauma fisico e psicologico.

la mia situazione non è evoluta da come l'ho descritta nella precedente post...non presento particolare dolore, riesco ad urinare normalmente, non ho avuto perdite esterne di sangue. Però questa mattina ho avuto un'erezione naturale che non è stata ne duratura ne rigida come normalmente. Il pene successivamente al trauma è particolarmente piccolo ed ho la sensazione di non controllarlo.

Cosa mi consiglia, pensa che la diagnosi della dottoressa sia giusta? avrei dovuto fare qualche test?

aspettando un Suo parere, La ringrazio nuovamente
cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

nuovamente sono a suggerirle una sollecita visita specialistica da Andrologo o da Urologo con chiare competenze in Medicina Sessuale. Potrebbe essere infatti indicata una ecografia per una valutazione dell' "ematoma", e una eventuale aspirazione con ago nella presenza di versamento ematico non ancora organizzatosi.