Utente 268XXX
Buongiorno Dottori,
vi espongo il mio caso:

3 settimane fa sono stato una settimana a casa con l'influenza, prevalentemente avevo tosse e leggera febbre (37.5). Da li non sono più riuscito a togliere la tosse, che mi sto portando dietro (anche se è abbastanza diminuita).

Quando, la settimana scorsa, durante i colpi di tosse ha cominciato a farmi male testa, torace e schiena, mi sono recato dal medico che mi ha prescritto un antidolorifico e delle gocce per la tosse. Un'amica, anch'essa dottoressa, mi ha consigliato, dopo alcuni giorni di gocce che non hanno avuto l'effetto sperato, di prendere un medicamento (purtroppo non ricordo il nome e non ce l'ho sotto mano) che aiutasse ad espellere il catarro.

Da tre giorni sto prendendo quest'ultimo medicamento, ma: ieri e oggi mi sentivo bene sul lavoro, solo che a metà mattinata ho cominciato a sentirmi caldo, sentire leggeri brividi ed avere un po di confusione, oltre che la solita tosse. La febbre non c'é praticamente (37.1). Può essere un effetto collaterale del medicamento citato?

Purtroppo io fumo (10-15 sigarette al giorno) e non ho smesso, anche se diminuito, durante l'influenza. Inoltre sono un paziente abbastanza ansioso, con alle spalle attacchi di panico. Lavoro in un ambiente non troppo sano (conflitti con i colleghi) e appena avverto sintomi quali fastidio in bocca (che un otorinolaringoiatra mi ha già detto più volte essere una semplice irritazione), o un fastidio alla manidbola/orecchio destro (che non ho ancora fatto visitare) vado spesso in ansia.

Ringraziandovi anticipatamente, porgo cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
8% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Salve,
essendo lei un soggetto ansioso potrebbe trattarsi, come lei stesso osserva, di disturbi legati all'ansia.
potrebbe in alternativa provare a sospendere il farmaco per la tosse che sta assumendo, ma nello stesso tempo, se il sintomo non è passato, deve comunque andare dal suo medico curante che deve essere informato nel caso si appurasse un'allergia, per non prescriverglielo più in futuro.
cordiali saluti.