Utente 363XXX
Questo è il responso che ho avuto dai miei ecg. Adesso vi chiedo quale può essere la causa e cosa significano queste diciture e soprattutto che esami devo fare. Mi hanno detto che per il momento il problema è minimo ma che col passare del tempo può peggiorare. Visto che l'ho scoperto presto e ho 21 anni posso fare qualcosa? Prevenire, curare? Posso fare sport che a me piace molto? Posso andare a correre e fare altri sport (io ne faccio diversi)? Devo seguire una dieta, uno stile alimentare diverso? Posso lavorare e studiare insieme come sto facendo o è troppo sforzo? Posso uscire più volte nel corso della giornata o è troppo sforzo?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Cara signora
il modo in cui pone la domanda impedisce qualunque tipo di risposta scientificamente corretta. I dati, che riporta tralaltro solo "nel titolo", vanno interpretati, poichè da inserire nel contesto clinico del paziente che li presenta....Perchè ha fatto la valutazione cardiologica e quali indagini ha eseguito ???? Sarà un reale blocco di branca destro e di che tipo ??? (completo o incompleto ?) L'ingrandimento atriale è riferito a quali dimensioni ???? L'atrio sx è normale o no ??? Ci sono anche problemi valvolari o è un reperto indipendente ????
Come vede senza informazioni precise l'unica cosa che può fare è chiedere delucidazioni al cardiologo che la stà seguendo.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
allora grazie innanzitutto della risposta! ho spesso extrasistoli sin da bambina ma da agosto in poi sono quasi quotidiane e sempre tachicardia per sforzi semplici ma anche a riposo, ecco il perchè dei controlli, ho fatto degli ecg da circa un anno. l'atrio sinistro è normale. diversi mesi fa avevo fatto un'ecografia al ps ma per altre ragioni (soffro di reflusso e avevo un dolore al petto) e hanno solo visto i ventricoli che erano nei limiti, non hanno controllato gli atri quindi immagino di dover fare un'ecografia per valutare gli atri. il blocco di branca destro è incompleto.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Certo, deve fare un buon ecocardiogramma. Per il Blocco incompleto di BBDx sarebbe bene che la diagnosi fosse confermata da un aritmologo (un cardiologo con particolari competenze in alterazioni del ritmo cardiaco).
Saluti cordiali
[#4] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
grazie dottore, adesso provvederò a fare l'esame al più presto e a portare tutto ad un aritmologo. posso domandarle comunque se è questo problema a causarmi la tachicardia? è quotidiana, a volte inizia o peggiora dopo mangiato
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Le verranno date tutte le opportune risposte dopo una valutazione più accurata. A distanza noi di MI non possiamo fare di più
saluti
[#6] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Va bene Dottore adesso faccio l'eco sperando di trovare posto al più presto col ssn!!! Ma se esce negativo mi posso tranquillizzare???
Comunque senta oggi mi è capitata una cosa brutta che ancora sto a letto a tremare dalla paura: mi sono svegliata ho preso una compressa di esomeprazolo 20 mg e ho mangiato un briochina piccolina e subito a studiare. Poi mi sono messa a fare yoga e respiri profondi ed esercizi e ho capito che non devo più farlo sennò resto secca: dopo che ho finito vado da mia mamma a parlare in cucina e il cuore faceva delle pause preparative all'azione successiva: mi parte una tachicardia assurda e una pressione fortissima alla testa che sembrava esplodermi, è stato così brutto che ho pensato "ammazza oggi crepo nella maniera peggiore e ancora non ho fatto niente nella mia vita!!!", mi sono stesa a letto e piano a piano è passato. Mah. Le giuro mi è sembrato di restarci secca. Spero di riuscire ad arrivarci a fare l'ecocardio.