Utente 265XXX
Buonasera ,
Circa 2 settimane fa mi sono accorto di un punto nero del diametro di piu o meno 7 cm nella arco plantare del piede, non posso escludere che fosse preesistente da parecchio tempo , in tal caso probabilmete si trattava di un neo di dimensioni pero verosimilmente piu piccole tanto da non destare particolare attenzione.

Mi son recato dal medico di base , che mi ha parlato della possibilita che si tratasse A: di un ematona B: di un neo sospetto.
Mi son recato dunque da un dermatologo in una struttura ospedaliera che ha confermato attraverso dermatoscopia il fatto che si trattasse di un neo , in particolare di un nevo blu , oppure di un nevo congenito ma non ha escluso anche il melanoma indicato nel referto con la dicitura MM.
Ha consigliato al dunque la exeresi e esame istologico.

I tempi per poter fare l 'intervento e avere il referto dell ' esame istologico variano
dal mese e mezzo sino ai 3 mesi.

Ho consultato sucesivamente un altro dermatologo privatamente il quale mi ha messo in guardi su alcuni aspetti :
1: Attraverso la dermatoscopia non vi è evidenza completa che si tratti di un nevo blu benigno ma alcuni elementi pongono il dubbio nella struttura della lesione
pur compatibile quasi totalmente con l aspetto del nevo benigno.
2 :Il nevo blu mi dice l ' esperto essendo nevo dermico non puo evolversi gradualmente in melanoma ed è raro che accresca di dimensione in eta adulta.
In sostanza é raro un nevo blu che sia in evoluzione.
3: Il nevo blu è per sua natura asintomatico mentro io avverto sensazione soggettive nel area della lesione: fastidio , leggero prurito avvolte ma non sulla lesione se non nelle zone vicine e anche leggero indolenzimento alla gamba
Le sensazioni non sono costanti ma le percepisco solo in alcuni momenti della giornata.

La mia domanda è la seguente :
Nel caso non si tratasse di nevo blu , la diagnosi differenziale va in direzione appunto del temuto MM, ossia se ho ben ho capito Melanoma Metastatico.
Ho altresi visto che altra diagnosi differenziale del nevo blu sono persino le cellule
metastatiche.
Non parrebbe esserci un nevo blu che mima un melanoma in fase iniziale...(potenzialmente curabile e suscettibile di guarigione)
Si tratterebbe dunque se non fosse la lesione benigna di un tumore in fase gia avanzata e con prognosi infausta(mesi.....)
Essendo questa la prospettiva o il rischio a cui vado incontro come posso abbrevviare i tempi per la diagnosi ???
Come è possibile che debba attendere cosi tanto tempo per poter fare la exeresi e cosi tanto tempo per avere il referto ???
In quali lstrutture pubbliche o private posso abbreviare i cosi lunghi tempi che come credo si possa intuire sono fonte per me di grande ansia ???
Anche solo il sospetto di un melanoma di tal gravita non dovrebbe indurre a fare la exeresi e la biopsia in tempi brevissimi in maniera da poter iniziare una terapia fosse anche questa non risolutiva ????
Vi ringrazio enormemente
Un gentile saluto


Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
Troppi dubbi che sicuramente codificano il fatto che non vi siate ben compresi capiti con i dermatologi che ha visto.
Anzitutto MM sta per melanoma maligno non per melanoma metastatico.
Ovviamente nessuno può pensare un'ipotesi di questo genere avendo innanzi un nevo blu:

Pur non potendo darle informazioni vincolanti da questa sede, le dico da esperto in a dermoscopia che la diagnosi di nevo blu anche Cellulare può essere agevolmente composta con la Dermoscopia.
Ovviamente la Dermoscopia aiuta (e quasi sempre completa) la diagnosi, ma per legge, non è mai dirimente al 100%.
La storia clinica di una lesione di nuova insorgenza È comunque da prendere in considerazione: deve sapere difatti che di solito un paziente con un nevo blu ricorda di avere queste lesioni fin dalla prima fase adolescenziale o comunque da diversi anni; ovviamente se lei denuncia una lesione di Neo insorgenza è compito del dermatologo prevenire qualsiasi eventualità anche rara con una semplice asportazione chirurgica.

Sui tempi purtroppo non posso dire nulla poiché conosco bene le liste d'attesa del sistema sanitario nazionale, ma le garantisco che se i colleghi avessero sospettato una lesione maligna non passerebbero mai tre mesi per asportazione chirurgica.
Spero di averle chiarito qualche punto oscuro, carissimi saluti.
[#2] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2012
Gentilisimo Dr Laino ,
La ringrazio per la sua pronta risposta.
Fortunatamente son riuscito a trovare delle foto risalenti a 4 anni fa nelle quali è possibile vedere con una certa chiarezza la lesione piu o meno delle stesse dimensioni e colore attuali.
Cio ovviamente seguendo il suo discorso mi rasserena molto.
Mi rassicura anche come lei fa notare che la sola dermatoscopia possa portare alla diagnosi di nevo blu.
L ' allarme nel mio caso è stato dato dalle possibili analisi differenziali che in alcuni casi mi sembra di capire possono essere ottenute solo attraverso l' esame istologico.
Ora trattandosi di una lesione presente da almeno 4anni , , piu o meno della stessa grandezza e colore ,,alla dermatoscopia compatibile con un nevo blu posso stare al 100:100 sicuro e magari non procedere all' asportazione se il dermatologo la sconsigliasse?
Purtroppo anche se so ingiustificata un po di ansia persiste e le chiedo non sarebbe forse meglio
dato che un nevo blu malauratamente anche se in percentuali minime puo mimare melanoma e metastasi procedere alla asportazione ?
Con molta probabilita dovute a stati ansiosi ma persistono alcuni sintomi in prossimita della lesione (leggero prurito , leggeri dolori sul dorso del piede e tallone )
l asportazione non comporta alcun rischio d ' altronde....
Un ultima curiosita si parla spesso di specifita e comportamento a se stante(pericolosita ???) delle lesioni in sede acrale.... In che misura questo a a che vedere con i traumatismi a cui sono sottoposte ?
In una delle foto recenti alla lesione è presente un forte arrossamento attorno allla stessa ,
elemento valutato con sospetto da un mio amico medico.
Grazie per la pazienza
Un cordiale saluto




[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente, direi di non esagerare, ancor prima di avere una dettame preciso dai miei colleghi dermatologi:
Direi sicuramente che ciò che decideranno loro sarà la strada giusta da compiere, lei non deve avere nessun ansia immotivata e vedrai che tutto si risolverà per il meglio, anche perché sebbene non linea vincolante ritengo che siamo innanzi ad una lesione benigna.
Carissimi saluti.
[#4] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dr Laino ,
La ringrazio ancora enormemente per la ampia disponibilità dimostrata..
La informo che ho appena terminato visita dermatologica è che si è deciso per l ' asportazione della lesione giudicata come nevo blu con leggeri elementi di atipicità.
Sul carattere benigno della lesione il dermatologo si è espresso in maniera quasi certa.
Non ha pero potuto rassicurarmi sul fatto che potessi far risalire la comparsa della lesione almeno a 4 anni fa , giudicando tale periodo non sufficiente e che meglio sarebbe stato avere certezza della presenza del neo da eta adolescenziale.
Date le sue considerazioni sulla vicenda e i pareri degli esperti sino ad ora consultati mi sento abbastanza tranquillo nel affrontare l' esito del esame istologico.
Anche perché a questo punto se non sbaglio nella peggiore della ipotesi si potrebbe trattare di una nevo in evoluzione verso stadi iniziali della malattia o può esistere anche l eventualità di un melanoma presente da vari anni in modo asintomatico ma sviluppatosi in maniera importante in pochi anni ???
Le sarei infinitamente grato se mi potesse rassicurare su quest ' ultimo punto.
Davvero grazie infinite ancora per il suo prezioso aiuto in una situazione che come credo sia chiaro ha creato uno stato ansioso particolarmente importante nel arco di queste ultime settimane .
Ancora saluti
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente ho ragione di pensare che questa lesione sia effettivamente un semplice nevo blu pertanto ritengo che lei non debba allarmarsi in alcun modo anche e soprattutto in virtù del fatto che lei è veramente ben seguito.
Carissimi saluti.
[#6] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2012
Gentilissimo Dr Laino ,
La ringrazio ancora per la sua disponibilità e prezioso aiuto.
Un cordiale saluto
[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Cari saluti a lei!
[#8] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2012
Gentiissimo Dr Laino,

Finalmente è arrivato il risultato dell ' esame istologico.

Colorazioni Emat - eosina
Indagini II C

Oss Macroscopiche Losanga di cute di mm 16 x10x4 presenta area pigmentata grigionerastra
di mm 6 x4, si fanno 4 prelievi centrali.
DIAGNOSI
Nevo melanocitario composto pigmentato,Margini di resezione chirurgica,
laterale e profondo,indenni.


Alla fine non è risultato essere un nevo blu , un po strano no ??

Cordiali saluti

[#9] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Non so dirle nulla nello specifico perché dello mai visto questa lesione pigmentaria, posso solo dire che la notizia è eccellente.
Ancora saluti.
[#10] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2012
Quindi c è da stare tranquilli , mi conferma ??'
[#11] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Risposta eccellente = tranquillità massima!
[#12] dopo  
Utente 265XXX

Iscritto dal 2012
Gentiissimo Dr Laino,,
Grazie ancora una volta per l a risposta e per la disponibilità domostrata nel seguire tutta la vicenda.
Ancora un saluto.
[#13] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Saluti!