Utente 363XXX
Buona sera
la settimana scorsa ho eseguito un ecografia addominale per un dolore al fegato che fortunatamente si e' risolto spontaneamente.
Il radiologo a dato un occhiata anche alla prostata che e' risultata normale tranne che per la presenza di calcificazioni.
Io mi sono impaurito. cosa sono queste calcificazioni?
premetto che sono completamente asintomatico, non ho ne dolori ne bruciori, non ho ne problemi di erezione ne di eiaculazione.
L'unica cosa che mi ricordo e di aver avuto una prostatite 22 anni fa che al tempo avevo curato molto bene e non si e' mai più ripresentata (in questi 22 anni non ho mai avuto un fastidio).
Possono darmi in futuro problemi queste calcificazioni?
se asintomatiche possono dare problemi di erezione in futuro?
si possono togliere?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
grazie per la sua richiesta.
Le calcificazioni prostatiche sono di riscontro relativamente frequente, anche in ecografie eseguite per altri motivi, in uomini senza sintomi prostatici. La prostata è una ghiandola, e quindi produce secrezioni (nello specifico: parte dello sperma), e come in ogni ghiandola è possibile che vi siano dei sedimenti calcarei che danno luogo a calcificazioni.
I calcoli prostatici spesso non danno disturbi; a volte (ma non pare essere il suo caso) predispongono a occasionali irritazioni/infezioni prostatiche.
E' possibile che nel suo caso la prostatite di 22 anni fa abbia innescato la formazione di calcificazioni, ma non è necessariamente detto.
I calcoli prostatici non possono essere rimossi; non è assolutamente detto che debbano dare problemi prostatici o di erezione nel futuro.
Spero di aver risposto esaustivamente alle sue domande.
[#2] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la risposta
Per un errore di battitura ho scritto 22 , ma in realtà la prostatite l' ho Avuta 14 anni fa ( e dopo quell episodio non ho mai avuto fastidi) , questo può cambiare la sua risposta ?
Per creare problemi di erezione queste calcificazioni devono essere sintomatiche (cioè creare fastidi o dolore) ?o possono farlo anche se asintomatiche?
Secondo lei avrò problemi in futuro da queste calcificazioni o meglio secondo la sua esperienza se in 14 anni non ho mai avuto nessun disturbo queste calcificazioni mi predisporranno ad averne in futuro(infezioni o infiammazioni)?
Scusi se la disturbo ma queste calcificazioni mi creano un po' di ansia.
Grazie in anticipo per la cortesia e la professionalità .
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Direi che non fa molta differenza 22 o 14 aa fa.
Si, per dare EVENTUALMENTE qualche disturbo all'erezione le calcificazioni dovrebbero essere sintomatiche.
Il fatto che da 14v aa lei non abbia nessun disturbo fa ben sperare per il futuro: direi di stare assolutamente sereno.
[#4] dopo  
Utente 363XXX

Iscritto dal 2014
Un ultima domanda, in che modo possono predisporre ad infezionii?
Mi pare di aver capito che la predisposizione ad infezione non è' una cosa frequente ?
[#5] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Laddove c'è un calcolo (colecisti, vescica, rene, etc)il microambiente che si crea intorno al calcolo può rendere più probabile sia infiammazioni che infezioni, ma se in 14 anni non è successo nulla...