Utente 314XXX
Da circa un mese ho delle crisi ipertensive pressione 200-100.Da 20 anni prendevo nebilox e riuscivo a tenere la pressione sotto controllo.Dall'inizio di queste crisi ho aggiunto Micardis 80 ma senza riuscire ad abbassare la pressione sotto i 160/ 90.Il cardiologo mi ha tolto il nebilox asserendo che i beta bloccanti deprimono e fanno male e mi ha prescritto l'ivabradina. La pressione è rimasta inalterata. ho effettuato accertamenti con i seguenti risultati: ecocardiogramma: lieve isufficienza aortica. ecocolordoppler vasi sovraortici tutto nella norma tiroide: lieve tiroidite con funzionalità della tiroide normale. elettrocardiogramma nella norma.Solo ai reni sono state segnalate alcune cisti parapieliche a sinistra del diametro massimo di 12 mm e piccole cisti in sede corticale bilateralmente.Il cardiologo asserisce che la pressione elevata è dovuta alla presenza delle cisti ai reni. Mi è stato prescritto bivis 20mg/5mg mantenedo l'ivabradina.Dopo un giorno la pressione è scesa a valori max di 140 e la min. 80 con battiti intorno 60.Ho il dubbio sulla causa renale dell'ipertensione e non so se ridurre l'ivabradina perchè ho paura che che possa instaurarsi una bradicardia. Le chiedo per favore un suo parere.La ringrazio e la saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In realta' il Nebivololo e' un beta bloccante particolare e non crea problemi solitamente.
Purtruttavia vedo che con l'accoppiata Bivis e Ivabradina i valori pressori e di frequenza sono accettabili.
Non abbia timore della bradicardia con Ivabradina: e' un farmaco che agisce sui i canali F del nodo seno atriale e ,con un meccanismo un po' complesso da spiegare qui, non agisce a frequenza basse.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la riassicurazione. mi è stato prescritto dall'endocrinologo il dosaggio delle metanefrine plasmatiche e questo mi mette un pò in ansia pensando ad un probabile feocromocitoma e Le chiedo se è compatibile con questi nuovi valori pressori. Inoltre con i nuovi farmaci mi resta un rialzo pressorio(140/80) e bpm 80-88.verso le ore 17:00 dopo il riposo pomeridiano.forse dimenticavo di dire che la mia età è di 68 anni.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Esegua pure tali esami ma il feocromocitoma non ha quell andamento pressorio.
14o/80 sono vslori accettabili per un settantenne.
Si tranquillizzi
[#4] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Grazie ancora e mi scusi se insisto per risolvere un mio dubbio.Le chiedevo, con il mio primo quesito, se la pressione elevata può essere causata dalle cisti al rene; cosa ne pensa lei? La ringrazio per la gentile attenzione.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No. Non ha alcuna relazione
Arrivederci
[#6] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Grazie ancora è stato gentilissimo.