Utente 136XXX
salve dottori sono un ragazzo di 24 anni e dall età di 1 ho gli acufeni, Ci sono voluti due anni per capire cos era... e cioè attraverso esami specifici è saltato fuori che era saltata una frequenza e l otorino in questione mi disse che non c era soluzione. Ultimamente sto avendo delle fasi molto acute che sono difficile da gestire. Il fischio in genere è all orecchio sinistro e poi magari colpisce entrambi. Mi preoccupa l idea che possa essere peggiorata la cosa perchè mi accorgo che un minimo basta per svegliare i fischi forti. Tipo un po di raffredore ed io per via della rinite li ho spesso oppure quando eseguo alcuni esercizi mentre faccio attività fisica soprattutto quando vado sotto sforzo o faccio streching e quindi eseguo movimenti del collo o testa. Mi preoccupa la cosa soprattutto perchè fra 10 giorni prenderò l aereo e per la prima volta. Non so se in un certo senso possa avere problemi per via degli acufeni e quindi vi sarei grato se poteste darmi delucidazioni. In attesa di vostre risposte vi ringrazio e vi porgo cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Gasparoni
40% attività
4% attualità
12% socialità
MONZA (MB)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Sarebbe utile avere un'idea più precisa circa la frequenza "saltata". Non avendo per le mani il suo esame audiometrico. ciò che si può ipotizzare è un ipoacusia probabilmente causata dall'esposizione al rumore (Ambienti lavorativi, Musica, ecc..). Queste ipoacusie sono generalmente non recuperabili perchè sostenute da un danno permanente della struttura nervosa dell'orecchio interessato, e quasi sempre si accompagnano ad acufeni (fischi, ronzii, fruscii, ecc...).
Non si tratta di una patologia pericolosa ma sicuramente fastidiosa.
Qualunque situazione concomitante che determini una patologia dell'orecchio medio ed esterno, p.es. le otiti o i tappi di cerume, può determinare una intensificazione dell'acufene di tipo transitorio, è il caso del raffreddore comune per esempio.
Allo stesso modo le variazioni della pressione arteriosa p.es. durante l'esercizio fisico, possono determinare un transitorio aggravamento dell' acufene.
In linea di principo l'aereo non le procurerà alcun peggioramento della situazione, cerchi di non viaggiare nel pieno di un raffreddore perchè potrebbe subire un'otite barotraumatica.

Si rivolga ad uno Specialista della sua zona per ulteriori chiarimenti.

La saluto cordialmente.