Utente 282XXX
Buongiorno a tutti. Scrivo per esporre il mio problema sessuale che da alcuni mesi sta diventando sempre più opprimente. Parto da un po' lontano. Quando stavo con la mia ex fidanzata avevo un problema terrificante: durante il rapporto sessuale non provavo nulla, nessuna sensazione neanche leggera di piacere. Abbiamo usato sia il preservativo sia la pillola. Tutto questi per circa 6 mesi, poi ci siamo lasciati. Successivamente mi sono fidanzato con un'altra ragazza e ci sto insieme da ormai un anno. Con lei il sesso è partito benissimo. Inizialmente lo facevamo col preservativo, poi dopo poco tempo abbiamo iniziato con la pillola. Da che non provavo nulla nel farlo, improvvisamente sentivo tantissimo piacere. Nei primi mesi la durata del rapporto raggiungeva anche alcune ore, poi piano piano ha iniziato a calare fino ad arrivare circa 3 mesi fa ai 20-30 minuti. Ma da pochi mesi a questa parte la durata massima che riesco ad avere (senza preservativo) è di 10-15 minuti, ma purtroppo è capitato in un paio di casi che sia durato 1-2-3 minuti. Quando usiamo preservativo invece (nei momenti in cui lei si dimentica di prendere la pillola o quando assume antibiotici che ne neutralizzano l'effetto) la durata aumenta e sento che il piacere non è forte come quando lo facciamo senza. Ovviamente questa situazione è diventata insostenibile in quanto la mia fidanzata non è più sessualmente appagata (devo ricorrere al sesso manuale od orale per farle raggiungere l'orgasmo, cosa che comunque non ha mai provato durante la penetrazione) ma neanche io perchè è degradante raggiungere l'orgasmo così presto.
Grazie dell'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente

per eiaculazione precoce si intende una eiaculazione che avvine entro i due minuti dalla penetrazione e quindi per capirne le cause e per procedere con le opportune terapie è necessario consultarsi con lo specialista.

Un cordiale saluto