Utente 244XXX
gentili dottori,
avrei bisogno di un consiglio. 3 anni fa, ha seguito di un in incidente, ho riportato diverse fratture e la perdita dell'unghia dell'alluce. Dopo l'incidente, avevo problemi più importanti da risolvere che pensare all'unghia dell'alluce. Oggi che però sto meglio, mi infastidisce aver perso l'unghia. Durante l'incidente qualcosa di tagliente deve aver colpito la scarpa e deve aver sollevato completamente l'unghia dal letto ungueale. E così l'unghia è persa. E si deve essere lesionata anche la matrice. A 3 anni dall'incidente, quello che è presente non è un'unghia normale ma (non so come definirla) una struttura cornea, tutta storta, spessa e del tutto sgradevole allo sguardo. E' anche un pò dolorosa, nel senso che basta fare poca pressione su questa struttura, per avvertire una sensazione poco gradevole che si trasforma in dolore con l'aumentare della pressione. Capisco che non riotterrò più l'unghia, ma è possibile fare qualcosa dal punto di vista estetico? E' possibile rimuoverla (preferire quasi non averla), oppure rimuoverla e sostituirla con un'unghia sintetica? O qualsiasi cosa che possa migliorare la situazione.

Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Dovrebbe gentile; far valutare questa situazione dal dermatologo: solitamente in casi come questo si preferisce effettuare un'asportazione dell'unghia e applicare una struttura sintetica d'altro.
Carissimi saluti.
[#2] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Salve, grazie per la risposta.

Vorrei chiarire un pò meglio, giusto per capire esattamente il da farsi. E' possibile quindi rimuovere l'unghia ed applicare una struttura sintetica. E' questa struttura permanente o da ricollocare periodicamente?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente, io - da dermo-chirurgo - sono piuttosto esperto di ablazioni ungueali piuttosto che di ricostruzioni ma sono certo che assieme al suo medico di fiducia riuscire da valutare qualche opzione possibile: perché anzitutto necessario comporre un postulato diagnostico-terapeutico poi si parlerà eventualmente di quest'approccio.
Carissimi saluti.
[#4] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Ma scusi, ma che consiglio è? Andare dal mio medico di fiducia? Questo già lo sapevo da solo senza che lei me lo dicesse. E poi se lei è un esperto in ablazione, perchè viene ad intervenire se la domanda è la ricostruzione?
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Mi permetta di dirle che questa è una risposta da maleducato e spero che lei non lo sia.
Io le sto offrendo un mio libero pareremedico specialistico (il quale non può essere mai vincolante, né diagnostico, tantomeno terapeutico) sulla scorta della mia esperienza professionale. Lì mi fermo.

Dopodiché questa è un forum pubblico in cui intervengono decine di altri specialisti come che possono aggiungere loro parere. Per ora lo sto facendo solo io limitandomi a ciò che si può fare da una sede telematica.

La sua domanda come da testo e da oggetto non è solo limitata alla ricostruzione ma è molto più ampia ed è relativa a situazioni tipo dermo chirurgiche e lì mi sono attenuto.

Se non le va bene il mio consulto mi dispiace e attendiamo che qualche altro collega possa intervenire ad aggiungere ragguagliare ciò che le sta richiedendo sulle ricostruzioni ungueali le quali - ribadisco ancora una volta- non sono di competenza medico-specialistica.

Di certo non tollererò oltremodo un linguaggio di questo genere e la mancanza di rispetto nei confronti del sottoscritto.
Spero di essere stato chiaro ed in bocca al lupo per ulteriori consulti che credo meglio del mio riusciranno sicuramente a risolverle il problema

Di nuovo cordialità.