Utente 198XXX
Per un anno ho praticato quasi ogni giorno la corsa continua a circa 10 Km/h e per circa 20', usando scarpe ammortizzate.
A causa di dolore al ginocchio, senza alcun gonfore, ho interrotto l'attività da circa un mese, durante il quale ho assunto celebrex 200 mg su prescrizione medica, ma senza apprezzabili miglioramenti, tanto da provare dolore anche camminando, specialmente in discesa. Ora va un pò meglio, però se piego la gamba sento uno scrocchio, peraltro indolore, al ginocchio quando essa è tutta piegata e inoltre faccio un'enorme fatica a risollevarmi dalla posizione accovacciata. Stando a letto, provo a volte un lieve dolore al ginocchio, ma se mi alzo passa. Stranamente l'altro ginocchio che a volte si gonfiava anteriormente per poi sgonfiarsi, non mi ha mai dato dolore né altri inconvenienti.
Vorrei sapere se esiste una cura che possa farmi tornare alla normalità perché mi piacerebbe proseguire nello stesso sport senza cambiarlo con un altro.
Vorrei anche sapere se con l'inattività e il riposo la cartilagine, se di essa si tratta, ha la proprietà di riformarsi.
Sentiti ringraziamenti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Roberto Leo
32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La corsa e' uno sport ad alto impatto articolare che non sempre si puo' continuare a fare per sempre nella vita!!!
Dalla scheda emerge una eta' peraltro che difficilmente e' conciliabile con la corsa,
Anche se cosi' non fosse il racconto che lei ci ha fatto fa pensare ad una condropatia femoro rotulea ossia ad un assottigliamento del prezioso strato di cartilagine che riveste le articolazioni
Una visita per confermare tale ipotesi e proporre una strada adeguata e' determinante
nella attesa come attivita' sportiva e' consigliabile il nuoto evitando la rana
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2011
Sono stato visitato da un ortopedico, il quale mi ha prescritto una RMN di cui trascrivo l'esito.
"Diffusi fenomeni degenerativi del menisco mediale, particolarmente accentuati a livello del corno posteriore ove non si può escludere la coesistenza di una lesione fratturativa. Non alterazioni focali del menisco esterno.
Nella norma i legamenti crociati.
Modesta alterazione di segnale del legamento collaterale interno in corrispondenza dell'inserzione tibiale come per esito distrattivo. Normale il legamento collaterale esterno.
Piccola focalità a segnale edemigeno nella spongiosa del piatto tibiale interno.
Rotula in asse.
Modesta quota di versamento intra-articolare e distensione fluida della borsa del gastrocnemio-semimembranoso".
Vorrei conoscere la Vostra opinione.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Roberto Leo
32% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
La mia opinione riguardo al puro esito della RMN e':
NULLA DI GRAVE!!!!
Da cio' pero' e' essenziale una visita clinica per far coincidere i reperti della RMN con i reperti clinici
Solo cosi' si puo' dare una opinione concreta
Cordiali saluti