ecg  
 
Utente 203XXX
Salve, vorrei che qualche medico mi togliesse quella che ormai è una pura curiosità: ricordo che ero bambina (avrò avuto 7 o 8 anni) quando mi resi conto che, a differenza di prima, ero in grado di percepire i battiti del mio cuore. Da allora non ho più smesso di sentirli. Ma non intendo una sensazione fastidiosa (anche quella la avverto, a volte, ma si tratta di extrasistoli o tachicardia), intendo una percezione tranquilla dei battiti. Quando sto seduta (anche adesso), sdraiata, ferma in piedi. Meno quando mi muovo, per niente in macchina grazie alle vibrazioni. L'ho chiesto più volte, sia al mio medico che al cardiologo, ma non sanno darmi risposta. Il mio ecg è sempre stato nei limiti.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Salve,
Non tutti sentiamo i battiti cardiaci (in realtà capita a pochi).
Se lei non ha patologie importanti correlate, nel suo caso si chiamano "battiti concitati" e non hanno motivo di essere associati ad alcuna patologia, se non ad una tensione nervosa di base.
E' seguita da un cardiologo mi dice, credo che l'abbia già visitata e rassicurata; non so se le ha già fatto fare un ECG di base ed un eventuale Holter ECG di 24 ore...
[#2] dopo  
Utente 203XXX

Iscritto dal 2011
Salve dottore, grazie per la risposta. Non sono proprio "seguita" da un cardiologo, ma ho 41 anni e diverse volte ho avuto occasione di fare l'ecg, sempre nella norma. Sono stata seguita da un cardiologo solo durante il periodo universitario, poichè durante gli esami avvertivo tantissime extrasistoli, tanto che dovette prescrivermi un betabloccante, altrimenti non sarei arrivata alla laurea! Passato quel periodo la situazione è migliorata e non ho più preso niente, anche se devo dire che la tendenza elle extrasistoli mi è rimasta. Recentemente il mio medico mi ha riscontrato la pressione un po' alta (soprattutto la minima, spesso tra 90 e 95) e mi ha prescritto un holter pressorio che farò fra 10 giorni. In effetti negli ultimi mesi il cardiopalmo mi sembra leggermente aumentato, diciamo che "me ne accorgo" di più di prima, ossia sono più frequenti i momenti in cui vorrei non sentirlo. Può esserci un legame tra l'aumento della pressione e questa sensazione?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
non è detto che ci sia questo legame, ma non è nemmeno da escludere.
Come anticipavo (e speravo avesse già fatto), oltre all'Holter Pressorio, le consiglierei di fare anche l'Holter ECG di 24 ore.
Se durante questo lei manifesta questo tipo di palpitazioni, e non dovesse risultare nulla, può stare tranquilla.
Saluti.