Utente 302XXX
Gentilissimi dottori , ho 52 anni e nel marzo scorso ho subito un angioplastica con stent a seguito i.m.a.
Tale evento purtroppo ha peggiorato la mia qualità di vita, anzi l'ha rovinata e generato anche disturbi psicosomatici quali occasionale fiato corto o pressione al petto e dolore epigastrico : tali disturbi tuttavia scompaiono dopo il sonno notturno o dopo circa 20 gocce di Alprazolam. Al di là del fatto che sono anche seguito da uno priscologo , che ho eseguito tutti i controlli presritti in questi mesi dall'ospedale con risultati ottimi , che prendo con costanza tutti i farmaci (tra i quali la doppia terapia Plavix-cardioaspirina) e che ho smesso di fumare non mi sento più al sicuro ma anzi in costante pericolo . Concludendo il mio problema e la mia domanda sono : dato che non posso recarmi sempre al pronto soccorso al minimo dubbio per sottopormi alla prova della Troponina, quali tipi di esami periodici posso fare per avere la quasi certezza che la situazione è buona e sotto controllo e non ci sia, a mia insaputa, una ricaduta ? E' sufficiente una visita cardiologica periodica, un elettrocardiogramma o un ecocardiogramma ed esami del sangue ? .... Ringrazio e saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
Si affidi a un buon cardiologo che valuterà' la sua situazione e provvederà a programmare controlli che nella maggior parte dei casi hanno cadenza annuale. Un ECO un ECG Holter e un test ergometrico ( o esame similare) sono in genere sufficienti per prevenire sorprese. Accanto a questo una vita regolare con una buona dose di attività' fisica (moderata) fanno il resto. Stia tranquillo. L'evoluzione della cardiopatia ischemica non è cosa di pochi giorni
saluti
[#2] dopo  
Utente 302XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio molto dottore.