Utente 365XXX
sono una donna di 40 anni, il mio compagno ha qualche anno più di me.fino a circa un mese e mezzo fa i rapporti col mio partner avevano una durata di pochi minuti, anzi lui preferiva indossare un preservativo ritardante per aumentare la durata. Raramente non usavamo il preservativo proprio per questa ragione. Poi, repentinamente le cose sono cambiate, nel senso che non solo non usa il preservativo ma i rapporti durano anche mezzora. Sinceramente questa cosa non è sempre piacevole per me che perdo la lubrificazione e comincio anche ad avvertire fastidio.Lui lamenta spesso di sentirsi stanco, scarico, di non avere forze, di voler prendere la pillolina del piacere, ma a questo punto mi viene il dubbio che la prenda davvero senza dirmi nulla, altrimenti non si spiegherebbe questo repentino cambio di durata rapporto, avvenuto da un giorno all'altro. Vorrei sapere cosa ne pensano, grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.ma utente

i suoi dubbi potrebbero corrispondere al vero, tuttavia in un rapporto di coppia è fondamentale condividere i propri dubbi per una migliore armonia sessuale e per aumentare la soddisfazione di entrambi, rompa il silenzio e ne parli con lui e se poi servisse ci faccia sapere.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

oltre alle corrette indicazioni ricevute dal collega Maretti, che mi ha preceduto, se desidera avere più informazioni dettagliate su questa disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
ringrazio entrambi per le indicazioni. Ho provato a parlare con lui in maniera molto tranquilla, ma mi ha rimproverato perché ritiene che dovrei essere contenta invece di lamentarmi. Non sta prendendo alcuna pillola ma piuttosto dice che è un periodo di stress e nervosismo e che devo lasciarlo in pace.Per non parlare del mio suggerimento di una consulenza andrologica,non esiste proprio.Non si rende conto che di questo passo sarò io a stressarmi e innervosirmi ogni qualvolta abbiamo un rapporto perchè provo forte fastidio
[#4] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
lei il suo impegna ce l'ha messo e comunque se poi servisse ci faccia sapere.

ancora cordialità
[#5] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Genrile Signora,
immagino il suo sentire...
Aggiungo qualche nota alle riflessioni dei dottori Maretti e Beretta e le invito a leggere questa lettura, sul controverso vissuto ....e sentire delle donne..in associazione alle famigerate "pillole blu.."


http://www.medicitalia.it/news/psicologia/5127-viagra-donne-bugie.html


La variazione della tempistica eiaculatoria- in assenza di disfunzioni conclamate- dipende da in fini motivi....dalla sintonia, all'empatia, all'ansia è così via....

[#6] dopo  
362024

Cancellato nel 2015
Gentile signora,

in accordo coi colleghi, credo sia importante iniziare a riflettere sul vostro rapporto di coppia.. sulla capacità e volontà di condivisione.

Questo perché immagino per lei non sia importante la tempistica dell'atto in se' (nel senso piu' tecnico del termine), ma il desiderio e la passione di "esserci" con l'altro e per l'altro...

Nel momento in cui ci si sente in "dovere" di "nascondersi" dietro ad un "muro", allora vuol dire che no stiamo più percorrendo lo stesso sentiero...

Provi a riflettere e a farne tesoro.



Per qualsiasi dubbio o confronto, siamo qui ad ascoltarla!


Un caro saluto,

Di cuore...
[#7] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dott.ssa Randone, quoto un passaggio della sua lettura:
"COSA PROVA LA DONNA?
Infinite domande ed infiniti dubbi affolleranno la mente ed il cuore della partner:
"Sarà colpa mia"?
"Non sarò sufficientemente brava sotto le lenzuola"?
"Le assumerà con me, con l'altra, con entrambe"?
" Non sono sufficientemente bella o desiderabile"?
“ E se con un’altra donna la problematica non si presentasse?”
“ E se non mi amasse/desiderasse abbastanza?” e così via."
in quanto queste sono esattamente tutte le domande che mi sto ponendo, perchè inevitabilmente inizio a pensare che forse è colpa mia, soprattutto quando lo vedo osservare con interesse signorine giovani e prorompenti...

Gentile dott.ssa Albano,non conta la tempistica, è vero, conta la "presenza", intesa nel senso più generale del termine; presenza come confronto, comunità di intenti, condivisione e passione l'uno per l'altra...
io desidero e spero di continuare a percorrere lo stesso sentiero, ci sto provando, sto mettendo tutta me stessa, finché non sarà più sopportabile il dolore di queste "testate" contro il muro, mi lascino passare questo paragone improbabile.
Grazie mille ad entrambe
[#8] dopo  
362024

Cancellato nel 2015
Grazie a lei...

Un augurio di cuore...
[#9] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Lieta di averla aiutata.