Utente 365XXX
Salve a mio zio è stato asportato un neo sospetto che all'esame istologico è risultato: Melanoma, vocalmente ulcerato, nodulare con spessore secondo Breslow di mm 2,2. Popolazione cellulare epitelioide con quota mitotica > 1xmmq. La lesione risulta asportata con un margine sano di almeno 0,2 cm (dopo fissazione). Pt3b." Adesso deve sottoporsi ad una serie di esami compresa TAC per poi subire un intervento ascellare (per il linfonodo sentinella?) Cosa ne pensate, ha buone speranze? Cosa lo aspetta in verità?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
La lesione iniziale è sicuramente una lesione seria: ovviamente ancora non si può essere precisi sulla situazione prognostica in quanto manca una corretta e definitiva stadiazione che potrà avere luogo solo dopo aver effettuato la tecnica della linfonodo sentinella.
Pertanto sono certo che dopo questa caratterizzazione immunoistochimica avremo un quadro chiaro della situazione.
Sappia ad ogni modo che ad oggi sono presenti nuove terapie anche per una malattia avanzata, ma direi che sia assolutamente intempestivo parlarne.
Carissimi saluti e ci tenga pure aggiornati.
[#2] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
Grazie gentile dottore, la situazione è più drammatica di quanto mi aspettavo. In questo caso, secondo la sua esperienza,ci si potrebbe anche aspettare un linfonodo sentinella negativo e, in quel caso ritenersi momentaneamente "fuori pericolo"? Si può già parlare di stadio? Scusi l'ignoranza. ma i dottori gli hanno detto soli di state tranquillo
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La risposta è sì, ci si potrebbe aspettare anche un linfonodo sentinella negativo e quindi la prognosi cambierebbe di moltissimo.
Carissimi saluti ed in bocca a lupo: teneteci pure aggiornati della situazione.
[#4] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014


Crepi il lupo! Se non dovesse cambiare la situazione che aspettative di vita avrebbe? Dovrebbe fare delle chemioterapie? Da quello che ho capito leggendo in questo sito il suo dovrebbe essere un terzo stadio definito "a rischio moderato" è esatto? Nel frattempo, in attesa di fare l'intervento, si è sottoposto ad alcuni esami: radiografia al torace, elettrocardiogramma, analisi del sangue, ed era tutto a posto. Adesso lo aspetta la Tac. Scusi per le troppe domande, cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Dipende sia dall'età del paziente sia dalla situazione globale: con le dicevo ad oggi sono disponibili anche nuove terapie biologiche.
[#6] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
La sua età è 66 anni (la scheda che ho compilato. in fase di registrazione è a suo nome). Allora non ci resta che aspettare fiduciosi. Grazie.
[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Senza dubbio sì. Cari saluti
[#8] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
Salve, in questo caso l' ulcerazione e lo spessore di Breslow sono indice di possibile infiltrazione in profondità? Questa settimana farà la TAC, c'è possibilità che questa possa evidenziare qualcosa? Grazie sempre.
[#9] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Alla prima domanda rispondo ovviamente di sì, alla seconda auspichiamo che la TAC abbia esito completamente negativo.
Ancora saluti.
[#10] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
Salve gentile dottore, vi aggiorno sulla situazione. Mio zio ha fatto l'ecografia in varie parti del corpo, e all'ospedale gli hanno detto che era tutto ok, che la TAC la poteva fare anche dopo l' intervento visto che non si era trovato nulla. Lo stesso ha detto il suo medico, specificando di stare tranquillo che si tratta di un tumore localizzato, senza metastasi. Però mi ha detto anche che hanno notato un fegato un po' ingrossato, infatti gli hanno chiesto se avesse mangiato, ma era a digiuno. Da quello che ho letto sul web anche in caso di metastasi al fegato ci sarebbe l' aumento del volume di un linfonodo di questo, mi sbaglio? Ma in questo caso credo che gli avrebbero comunicato questo sospetto, invece niente. Che ne pensate?
[#11] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Se ha effettuato un'ecografia epatica direi che non ci sono problemi.
Cari saluti.
[#12] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dottore, mio zio ieri ha eseguito la scintigrafia e subito dopo l'asportazione di 5 linfonodi. Questi erano stati esaminati prima dell'intervento con un macchinario di cui non so altro tranne il fatto che emetteva un suono acustico quando esaminava un linfonodo ritenuto sospetto. Adesso gli hanno detto che questi prelevati devono essere analizzati, ma che il fatto che siano "chiari" è un buon segno. Gli hanno detto che nel corpo è tutto ok ma che solo la TAC potrà confermare che è così anche nella testa... che ne pensa?
[#13] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Penso che sia tutto vero e valido ciò che vi hanno comunicato e che suo zio è ben seguito.
Cari saluti.
[#14] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
Salve dottore, nel frattempo mio zio ha avuto i risultati anche della tac alla testa ed era tutto a posto, per fortuna. Ma la cosa che ci non abbiamo capito dell'intervento è stato il fatto che hanno rimosso 5 linfonodi anzichè 1 (cioè il LS) e abbiamo pensato che fossero stati ritenuto "sospetti" è esatto?
Proprio oggi hanno telefonato dall'ospedale dicendo che dovrà recarsi lì lunedi mattina a digiuno per fare dei prelievi e per parlargli. Tutto cio' ci ha nuovamente allarmati perchè se era tutto ok credo che ce l'avrebbero detto. La prego ci dica qualcosa per farci capire, grazie mille.
[#15] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
A volte quando si asporta il linfonodo sentinella, altri linfonodi vicini possono "accendersi" perchè hanno captato materiale radiante: quindi si asportano per sicurezza; ovviamente non posso capire i motivi della chiamata, ma vi invito alla tranquillità;
fatemi pure sapere

cari saluti
[#16] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
Gentile dottore, dall'esame istologico è risultato che 2 dei 5 linfonodi erano intaccati da metastasi e quindi i dottori hanno detto che bisogna rioperare per togliere tutti i linfonodi della regione ascellare. Da quello che ho capito i linfonodi restanti sono potenzialmente "sani" ma rimuoverli è una precauzione nel caso vi siano delle micrometastasi non visibili con le apparecchiature disponibili e che comunque serve per isolare la zona. Ci hanno fatto intendere che questo intervento potrebbe essere risolutivo ma naturalmente dovrà attenersi al protocollo e fare tutti i controlli per almeno 5 anni. So che nessuno ha la sfera di cristallo e che questo male è imprevedibile ma almeno in termini statistici dopo l'intervento potremmo stare forse più tranquilli? Grazie
[#17] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Sicuramente lo svuotamento linfonodale è una pratica necessaria e preventiva per ulteriori disseminazioni a distanza in caso di positività al linfonodo sentinella

Il follow up e gli esami strumentali cadenzati saranno molto utili a controllare la situazione.

A disposizione per ulteriori ragguagli futuri.

cari saluti