Utente 110XXX
Salve dottori,
Sono una ragazza di 26anni con un'ipotensione congenita. P.a. 100(o90)/ 60. Mi è sempre stato detto che la minima è un po' bassa. Periodicamente avverto quando mi alzo da posizione seduta o quando sollevo il capo dopo esser stata piegata in avanti compiendo un sforzo (mentre faccio le pulizie di casa per esempio) di avvertire una lieve sensazione di capogiro per alcuni secondi.
Questa problematica era scomparsa negli ultimi mesi, ma son tornata a riscontrarla. Le ultime analisi del sangue erano perfette, salvo Hb ed ematocrito ai limiti minimi. Di solito, invece, i valori son sempre più bassi della norma (Hb 11/10, Ematocrito 35) ma stavolta erano a posto.
Il sodio e l'osmolalità erano di poco più bassi.
Ho inoltre una ipercifosi cervicale non curata che mi porta spesso dolori e cefalee muscolo tensive e formicolii ad entrambe le mani dopo aver fatto sport. Soffro di varici e disturbi della circolazione anch'essi congeniti. A mia madre hanno asportato la safena. Ed io ho spesso piedi e mani fredde e bianco violacee ed ho avuto un collasso emorroidale circa 4anni fa.
Ho inoltre scoperto un'intolleranza al glutine (non so se possa essere informazione utile) che tuttavia non sto"curando".
I capogirisi verificano solo in seguito ai movimenti di cui sopra. In nessun altro caso.
Volevo sapere se è il caso di fare una visita angiologica per verificare eventuali stenosi poiché sono anche una fumatrice seppur occasionale e questi sintomi aumentano nei periodi in cui fumo.
Pensate sia il caso di rivolgermi ad un angiologo e se si con quali indicazioni?
Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
una stenosi dei vasi cerebroafferenti è del tutto improbabile in un soggetto della Sua età.
Le consiglierei di sottoporre la cosa inizialmente al Suo Medico di base.
[#2] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio.
Chiederò al mio medico curante.