Utente 343XXX
Buona sera,
da quando sono nata ho sempre avuto i battiti un po' accelerati (sui 90a riposo). Qualche mese fa a causa di una pericardite virale la frequenza è ulteriormente aumentata e ora a distanza di mesi si è stabilizzata sui 95 btm a riposo. Ho fatto numerosi accertamenti per indagare sulle cause sia cardiache sia extracardiache di questo aumento, in passato e soprattutto recentemente, a seguito di questo episodio di pericardite. Da premettere che dalla risoluzione della pericardite non ho più avuto dolore al petto e gli indici infiammatori sono negativi. L'ultimo ecodoppler cardiaco non rileva nulla di significativo al di fuori dell''esito della pericardite che si esprime in un ispessimento pericardico e in una falda di versamento organizzato all''apice e lungo le sezioni dx e un lieve rigurgito tricuspidale e mitralico. L''ultimo holter cardiaco cita: Ritmo sinusale tendenzialmente tachifrequente di 94 btm al minuto (fc minima 61 btm, fc max 167). Conduzione atrio-ventricolare nella norma. Rari battiti ectopici sopraventricolari normomorfi e isolati. Assenza di ectopia ventricolare. Non alterazioni significative del tratto ST rispetto alla morfologia di base.
Le analisi della tiroide sono negative e inoltre ho anche fatto una gastroscopia da cui sono risultata celiaca ( sono quindi in dieta senza glutine) ma che non ha rilevato né reflusso gastroesofageo né gastrite. Ho anche fatto una tac torace ugualmente negativa. Non fumo, non bevo, non consumo caffè, ho un peso assolutamente nella norma e soprattutto cammino minimo mezzora al giorno tutti i giorni. Diciamo che questa frequenza la avverto prevalentemente se faccio le scale, i pesi o una corsa anche leggera infatti mi devo fermare perché il cuore comincia a battere all''impazzata e mi viene l'affanno. La pressione arteriosa è buona, sui 115/65-120/70. Ho provato il biancospino che ho letto abbia proprietà benefiche sul cuore con l'unico risultato di trovarmi una pressione sotto i piedi e i miei soliti battiti. Il mio medico curante mi ha detto che l''unica alternativa è prendere un farmaco per abbassare la frequenza ma sinceramente vorrei evitare di cominciare un farmaco a vita all'età di 23 anni. Lei che ne pensa? Una fc media così può danneggiare il cuore ?
Grazie
Buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Se l'ecocardiogramma è normale può ancora star tranquilla....certo frequenze medie elevate nel lungo termine possono creare sofferenza cardiaca (ma non è matematico). Le consiglio di eseguire un ECO di controllo annualmente. La sua potrebbe essere una tachicardia sinusale inappropriata e, se nel tempo dovesse rendersi necessaria una terapia farmacologica, un ottimo farmaco è l'ivabradina.
Cordialità
[#2] dopo  


dal 2015
La ringrazio moltissimo per la sua veloce risposta. Ma quindi questa forma di tachicardia è pericolosa per la vita se non trattata? Se adesso non assumo nessun farmaco ma l'eco come ha detto è tutto sommato normale non rischio nulla?
Grazie ancora