Utente 314XXX
Buongiorno.. circa 3 anni fa, mentre facevo palestra, ho iniziato ad avvertire un fastidio al testicolo.. il dottore mi diagnosticò probabilmente una punta d'ernia e mi disse di non fare sforzi.. una settimana fa, stanco di questo fastidio, ho deciso di andare dal chirurgo...
I sintomi? : ogni volta che faccio qualche sforzo, avverto un fastidio dietro il testicolo, o anche se resto molto tempo in piedi..
diagnosi : ernia inguinale bilaterale..
oggi ho fatto i prelievi, e l'ecg, venerd' avrò la visita dall'anestesista..
sul foglio dell'accettazione però c'è scritto solo ernia inguinale dx in dh..
la mia domanda è: è possibile operare un'ernia inguinale bilaterale con metodologia tradizionale contemporaneamente? cioè fare prima l'una e poi l'altra nello stesso giorno? in questo modo eviterei di operarmi due volte, il che per l'università sarebbe oro..

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Si è possibile, ma la motivazione per la quale il suo chirurgo ha deciso di operarne solo una deve dargliela lo specialista stesso.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
la sintomatologia descritta è riconducibile alla diagnosi?
visitandomi, da allungato, mi ha spinto un dito nello scroto e ha detto che è saltata la fascia inguinale...
[#3] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Sulla corretta causa dei suoi disturbi non può chiedere un confronto con chi non l'ha visitata, quindi bisogna dare fiducia allo specialista che le ha fatto diagnosi.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
intendevo dire se tra i sintomi dell'ernia inguinale ci sono queli che ho descritto io..
in fondo non sono dottore io :)
[#5] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Si possono esserci.
[#6] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
anche inerenti ad una modifica della qualità del liquido seminale?
[#7] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
No.
[#8] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
che lei sappia, quali sono le cause che possono alterare il liquido seminale? perchè a me capita spesso dopo aver fatto sforzi , che il liquido sia molto fluido e poco grumoso.. come invece è quando non compio sforzi
[#9] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Le sue domande non sono inerenti alla richiesta del consulto iniziale. Posti la richiesta in andrologia eventualmente.
[#10] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
Salve ho sostenuto l'intervento venerdì 20 febbraio.. recupero un po' difficoltoso, con molte problematiche nell'alzarmi e cambiare posizione.. a distanza di giorni, ho ancor aun leggero fastidio che però si sta spegnendo alla base del pene.. mi erano comparsi molti ematomi su pene e scroto, ma noto che il pene è diverso, sento come un filo duro alla base e al centro, inoltre quando provo a scoprire il glande, noto come una zona gonfia e una vena che si erge al centro bella gonfia.. prima ovviamente non c'era nulla di ciò
[#11] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, i suoi disturbi con il tempo dovrebbero migliorare, comunque un controllo a distanza postoperatorio lo può sempre programmare.
Saluti