Utente 352XXX
buonasera,
a seguito di una tac all'addome sup, effettuato per delle cisti è stato riscontrato: in sede splenica anteriore presenza di formazione ipodensa in tutte le fasi ad aspetto cistico a contenuto omogeneo di tipo fluido corpuscolato che presenta margini netti e diametri di circa 33x 24 mm. centimetrica calcificazione in sede ilare splenica di incerto significatoverosimilmente di tipo vascolare (piccola formazione aneurismatica calcifica?).Non espansi in loggia surrenalica.
Nel terzo superiore posteriore del rene dx è apprezzabile una formazione finemente disomogenea isodensa in fase precoce e ipodensa tardivamente, di circe 22mm di diametro che merita rivalutazione ecografica mirata. Non linfoadenomegalie addominali nè versamenti liberi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente ritengo che la problematica splenica come descritta sia benigna, si faccia valutare pure dal suo curante ed eventualmente da un chirurgo con il dischetto della tc per una maggiore tranquillità.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Per quanto riguarda il reperto renale, la diagnosi non è chiara, potrebbe essere anche una falsa immagine, un artefatto. Il,da farsi è già stato consigliato e consiste in un controllo ecografico tra qualche mese.
[#3] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
grazie per i vs consulti, volevo aggiungere che i hanno richiesto di fare una risonanza magnetica all'addome superiore ed è questo il risultato:
fegato morfo-volumetricamente nei limiti della norma. non dilatazioni delle vie biliari intra ed extra-epatiche.vena porta di calibro regolare. non alterazioni a carico dei surreni,pancreas.Formazione fluida corpuscolata di circa 35mm x 20mm con capsula ispessita in corrispondenza del parenchima splenico.Reni in sede, regolari per dimensioni e morfologia.spessore cortico- midollare conservato, non dilatazioni delle vie escretrici bilateralmente. vescica scarsamente distesa, per quanto valutabile appare esente da alterazioni parietali ed endulominali.non significative linfoadenomegalie in sede addomino-pelvica. assenza di versamento libero.
Resto in attesa di un vs parere, è tutto a posto o deve fare ulteriori indagini?grazie anticipatamente
[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il sospetto renale è stato quindi risolto, nessun problema da questo punto di vista. Per i commenti riguardo alla milza la rimandiamo al nostro Collega chirurgo generale.
[#5] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente come già le ho consigliato pur confermando una problematica suggestiva per una lesione benigna, deve far visionare l'esame al chirurgo con il dischetto.
Saluti
[#6] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Buonasera,
chiedo nuovamente il vs parere a seguito di un ulteriore controllo eseguito per volere del chirurgo. ho effettuato un urotac e questo è il referto:
l'esame è stato eseguito mediante apparecchio multidetettore (brilliance 64) prima e dopo somministrazione di mdc organo iodato (lomeron 400) e refartato a confronto con il precedente esame tac( di cui nei precedenti consulti).
si conferma sostanzialmente invariato per dimensioni (2,3 cm) la neoformazione rotendeggiante solida con enhancement progressivo e waskout in fase tardiva localizzata nel labbro posteriore del plico superiore del rene dx con iniziale interruzione della capsula e divaricazione senza infiltrazioni dei calici adiacenti...
doppia arteriarenale sinistra di cui una filiforme.pevie le vene renali...
si documenta arteria epatica dx che origina dall'AMS.la milza è di volume normale, cisti splenica di 3 cm nel III medio....diverticolosi del sigma e del discendente.non falde fluide libereendoaddominali....diffusa ateromasia parietale calcifica dell'asse aorto-bisiliaco.

vorrei un vs parere perchè sono in confusione, l'urologo mi dice di non dover far nulla il chirurgo di dover togliere il rene..
confidando in un vs cortese riscontro, saluto cordialmente.

[#7] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, la lesione splenica risulta una cisti, quindi al momento non indicazione chirurgica, sul rene deve esprimersi l'urologo che sulle eventuali decisioni terapeutiche può esprimersi con maggiore competenza.
Saluti
[#8] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
è abbastanza singolare che la risonanza magnetica non abbia evidenziato questo nodulo renale che invece la TAC ha confermato. La presunta lesione ha dimensioni modeste e stabili, almeno nel medio periodo. Decidendo per la sua rimozione non si tratterebbe comunque di asportare completamente il rene, poiché tutte le masse inferiori ai 4 cm circa in primo luogo sono oggi candidate alla "enucleo-resezone", tranne che in casi molto particolari. Questo intervento viene oggi brillantemente eseguito in laparoscopia, con minima invasività.

Saluti
[#9] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
buonasera,
solo per informarvi che hanno deciso di eseguire una biopsia tramite tac, non avendo ancora i risultati non o cosa pensare.
[#10] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Il fatto di avere un risultato bioptico è importante per formulare una diagnosi precisa e quindi un adeguato trattamento.
Saluti
[#11] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno dott,
disturbo nuovamente perchè a seguito della biopsia hanno operato ed asportato il rene dx.
Ed ora, a distanza di 4 mesi ho effettuato una tac addome completo di controllo senza mezzo di contrasto per insufficiente capacità di clearance renale.
e,
dall'esito della tac, emerge quanto di seguito:
torace:
nodulo solido non calcifico di 6,3mm nel segmento basale laterale del lis.
Ispessimento della pleura parietale postero-mediale del III medio-inferiore del polmone a dx ed in sede basale bilaterale in esiti. non versamento pleurico nè pericardico.
Non linfoadenopatie ilo-mediastiniche.
addome:non grossolane alterazioni di base a carico di fegato e pancreas,
la milza di volume normale con ipodensità internaa di verosimile natura cistica di 3 cm nel III medio. Regolare morfologia dei surreni. Rene sx nei limiti per dimensione e morfologia, con spessore parenchimale conservato. non dilatazione delle vie urinarie. non apprezzabili residui di malattia nè RL nelle sole condizioni di base.
diverticolosi del sigma e del discendente.Non falde fluide libere endoaddominali.
diffusa ateromasia parietale calcifica dell'asse aoto-bisiliaco.

mi preoccupa molto il nodulo al polmone che fino ad oggi non avevo,
cosa mi suggerisce di fare?
il resto posso considerarlo, ok?
grazie per la consueta attenzione.
[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Questa manifestazione polmonare non è di diretta competenza urologica. In ogni caso, sarebbe indispensabile conoscere gli esiti dell'esame istologico definitivo sul rene asportato, cosa che invece lei non ci riferisce.
[#13] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
gentile dottore,
le invio l'esito dell'esame istologico del rene asportato:
neoplasia che alterna aree di pattern di crescita solido con elementi neo plastici a nucleo di media grossa taglia a cromatina compatta o finemente dispersa, costantemente nucleolati, a citoplasma ampio e granulare con evidenza di alone perinucleare e quadri di condensazione citoplasmatica periferica ad aree con elementi neoplastici con nuclei di media grossa taglia, nucleolati e con citoplasma chiaro.l'espressione di Viment appare limitate alle seconde aree descritte mentre l'espressione di citocheratina7 appare maggiormente evidente nelle prime aree.
segni di infiltrazione del tessuto adiposo a livello del seno renalecon quadri di invasione neoplastica endovascolare. il margine di exeresi ureterale appare esente da atipie.
diagnosi:
tessuto fifroadiposocon vasi senza atipie
carcinoma a cellule renali con alternanze di aree a istotipo cromofobo e di aree a istotipo cellule chiare (grado 3 di Fuhrman)
AJCC/TNM(2010):pT3,pNx,pMx
dopo le dimissioni non mi hanno detto di fare nulla se non il controllo da quale emerso l'esito che le ho inviato.
In precedenza nel 2007 ho effettuato una quadrectomia al seno dx sempre per un carcinoma, non so se possono esserci collegamenti.

cosa mi consiglia?
grazie molte
[#14] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il reperto polmonare è di minime dimensioni, anche se non di univoca interpretazione. Sarebbe forse opportuna una valutazione di oncologia medica, per valutare se sia indicato eseguire altri accertamenti (es. PET).
[#15] dopo  
Utente 352XXX

Iscritto dal 2014
grazie dottore,
farò quello che mi consiglia, e le farò sapere.
grazie ancora per la disponibilità