Utente 366XXX
Salve,
ho avuto 2 episodi di difficoltà nell'articolazione della parola tremore e distesie; sono stata dimessa con la diagnosi di stress. Il cardiologo richiede una risonanza cardiaca (avevo una Div che ora risulta chiusa in età adulta e un piccolo pfo che non puo' dare nessun tipo di problema) e qui viene evidenziata un iperplasia timica 1.9*3.8*10 cm. Nessuno considera il timo e soprattutto mi dicono che anche se cresce non fa nulla; chiede se ci sono nessi con la tiroide c'è chi dice di si e chi dice di no.
Volevo sapere come muovermi perchè spesso ho la pressione alta, stanchezza, improvvisamente il tsh è sceso a 0.0010 (dosaggio eutirox sempre lo stesso). Ma sopratutto Dottore volevo sapere se il timo è da togliere? A chi mi devo rivolgere?
La ringrazio per la sua attenzione.
i più sinceri saluti.
[#1] dopo  
Dr. Michele Malerba
24% attività
8% attualità
12% socialità
FOGGIA (FG)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, fondamentalmente non c'è alcun nesso dal punto di vista endocrino-funzionale fra tiroide e timo, solo la presenza di patologie autoimmuni in alcuni casi selezionati possono coinvolgere entrambe le ghiandole ( es. tiroidite di Hashimoto e iperplasia timica).
Poi chiede se il timo è da togliere : solo in presenza di patologia accertata a suo carico tipo neoplasie o situazioni di iperplasia con miastenia gravis.
Inoltre dai valori che riporta ha un TSH eccessivamente basso( che causa uno stato di ipertiroidismo -tireotossicosi indotto da farmaco) che senz'altro potrebbe giustificare la presenza dei sintomi che accusa e che in via assolutamente prioritaria richiede un aggiustamento della posologia dell'eutirox( nel senso un dosaggio più basso dell'attuale). .
Pertanto e In ultimo Le consiglio vivamente di rivolgersi ad uno specialista endocrinologo proprio per la definizione di tale problematica e per lo studio e ricerca di eventuali patologie a carico della tiroide e timo.
Sempre disponibile invio distinti saluti.
[#2] dopo  
Dr. Federico Raveglia
24% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2014
Gentile utente,
il riscontro di una neoformazione mediastinica, compatibile con residuo timico, richiede a mio avviso un approfondimento tramite PET. Solo dopo quest'ultima sara' possibile decidere la strategia da adottare: follow up o asportazione.
Cordialità
[#3] dopo  
Dr. Claudio Andreetti
40% attività
8% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Bene il suggerimento della PET