Utente 283XXX
Gentili Medici

Vi espongo in breve il mio problemino.

Ho 31 anni , non ho mai avuto un vero e proprio problema di acne ma la comparsa di qualche brufolo sul viso e sulla schiena è stata una costante sin dall'adolescenza.

Dopo i disastri del passato(mi hanno lasciato qualche cicatrice) compiuti cercando di "spremere" i brufoli, ai quali ho in parte ovviato con qualche seduta di trattamenti laser e needling, non li ho piu toccati e sul viso ho risolto il problema limitandomi a lavarlo con dei detergenti consigliati dalla mia dermatologa.

Per quanto riguarda la schiena ,quando compaiono non li tocco e non applico nessun prodotto,solitamente scompaiono dopo un po.

Purtroppo però l'anno scorso me ne uscì uno sul torace vicino alla clavicola,non potei fare proprio a meno di toccarlo,risultato si infiammò e vista l'inefficacia della clindamicina e del fucicort, la dermatologa mi fece un'infiltrazione di cortisone,si è appiattito ma è rimasta una discromia, c'è praticamente una sorta di macchiolina bianca.

Alcuni giorni fa me n'è comparso un altro sul torace, l'ho toccato e si è infiammato ma è piu piccolo di quello precedente.

Volevo sapere:

In questi casi puo essere utile applicare il benzac oppure è meglio utilizzare un farmaco come il fucicort che all'azione antibiotica affianca anche un effetto antinfiammatorio?
Quanti giorni bisogna attendere per considerare inefficace l'utilizzo di un farmaco?

La macchiolina bianca ,esito dell'infiltrazione,resterà tale oppure col tempo l'area riacquisterà la normale pigmentazione?

In attesa di una vostra risposta vi porgo i miei piu cordiali saluti ringraziandovi per il servizio che offrite.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
Dipende dal quadro clinico . Verosimilmente in caso di importante lesione papulopustolosa,o anche lesione nodulare molto infiammata, la pomata antibiotico-cortisonica sembra preferibile.Ecisi aspetterebbe di vedere miglioramenti entro la settimana.
Per quanto riguarda le discromie postlesionali , specialmente le ipocromiche, la faccenda si complica, e tendono a persistere.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 283XXX

Iscritto dal 2012
Grazie mille per la risposta Dottore.

Ad essere sincero se l'alternativa alla presente lesione che appare leggermente in rilievo e del diametro di mezzo centimetro, è un'altra macchiolina io la lascerei stare cosi com'è ma è possibile oppure bisogna necessariamentei ntervenire in qualche modo? In altre parole se il problema estetico non sussiste e non si interviene cosa puo succedere?Puo crescere,può evolvere in una cisti?Risoluzione spontanea?
Ovviamente la chirurgia la eviterei vista anche la possibilità di sviluppare un cheloide che in quella zona è molto alta come lei mi insegna.
Mi rendo conto della difficoltà o meglio dell'impossibilità di pronunciarsi su un qualcosa che non ha la possibilità di vedere per cui la mia la consideri una domanda generica non riferita al caso specifico.

E per quanto riguarda la discromia,va protetta dalla radiazione solare in quanto tale?

Colgo nuovamente l'occasione per ringraziare tutti i medici che mettono a disposizione la loro professionalità in modo gratuito .