Utente 366XXX
Esimio Prof.re,
ho subito un trauma al dito medio della mano destra il 3.11 c.a. e da RMN si rileva una lesione di alto grado del legamento collaterale laterale con interruzione di fibre. Ho tenutoimmobilizzato il dito per un mese e ripetuta la RMN si rileva un incremento del versamento nell'articolazione interfalangea prossimale al 3° e si conferma lesione di alto grado del legamento collaterale laterale con interruzione di fibre. Cosa è possibile fare per ripristinare la funzionalità del dito?
L'ortopedico del pronto soccorso mi aveva detto che andava operato invece l'ortopedico di un altro CTO mi ha detto di no. Qual è la diagnosi giusta?
Grazie
Alfonso Mazzitelli
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
mail: alfonsomazzitelli@libero.it
tel. 3683257157
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Sig. Alfonso,

in realtà, se operare o no dipende dalla lassità articolare residua e dal livello di deficit funzionale che ne consegue.

Questo, a sua volta, è in funzione dell'attività lavorativa e sportiva del paziente, dell'età, ecc.

Buona domenica.
[#2] dopo  
Utente 366XXX

Iscritto dal 2014
Ho 66 anni e sono pensionato. Svolgo solo come hobby l'attività di coltivare un piccolo orticello a carattere familiare. Se io dalla fisioterapia che sto facendo miglioro la funzionalità del dito, posso escludere l'intervento?
Devo anche ammettere che dopo una settimana di laser terapia riesco a chiudere meglio il dito e quindi a toccare l'interno della mano e il dolore nel piegarlo si è ridotto di molto.
Cosa ne pensa?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Certo, se la funzionalità è buona (può ancora migliorare con gli esercizi) non deve certo operare.

Ma l'eventuale necessita di operare non deriva dal livello di flessione/estensione del dito (che migliora con la kinesiterapia), bensì da una eventuale lassità articolare.

Se questa è assente o lieve, non deve operare.