Utente 181XXX
Salve, la domanda che rivolgo potrebbe interessare anche il campo proctologico. Premetto che soffro di stomaco e una forma di prostatite senza batteri che mi porto dietro da Luglio ancora con qualche fastidio, ho avuto questa estate per 3 mesi un episodio di emorroidi interne (prima della prostatite) di 2' grado molto fastidiose curate con presidi topici (Ruscoroid pomata) di cui ne ho abusato utilizzandola per forse più di un mese, a Luglio mi son ritrovato anche con una lieve dermatite perianale diagnosticata dal proctologo, che non dava però fastidio. Ho abusato anche di pasta fissan nella suddetta zona per questa dermatite, ad Agosto ho incominciato ad avere prurito perianale nella zona sacrococcigea e nella parte sinistra intorno all'ano, il proctologo sospettava candida dandomi il diflucan in 2 dosi. Senza successo o miglioramenti il prurito è andato avanti a giorni alterni, dipendeva un pò dai periodi, ho continuato con la pasta fissan data dal proctologo mesi fa, abusando anche di quella, ho provato un pò di tutto, un pasticcio. A novembre mi son ritrovato con la pelle della zona perianale completamente irritata/infiammata che si spelava con segni di grattamento. Subito una visita dermatologica ha riscontrato un eczema perianale, mi son stati prescritti dei bagni freddi con permanganato di potassio una volta al di per qualche giorno, più Nefluan gel per il fastidio (Fluocinolone acetonide + Lidocaina). I bagni mi hanno dato sollievo e pian piano la cute si è ripristinata, ma l'uso di Nefluan gel solo per una sera mi ha provocato ancor più irritazione e senso di peso, tanto è che mi si è formata una feritina nei giorni successivi, allora son tornato dal proctologo perchè sentivo un fastidio interno: Sfintere nella norma, mucosa rosea, emorroidi interne di 1 grado (semplici), si evidenzia una piccola lesione ragadiforme a ore 4. Si consiglia Propast pomata e Anonet, più Lipidyum (tipo psyllogel) per le feci.
Ora mi ritrovo con una piccola lesione perianale tipo ragade, il problema è che dal punto di vista topico non riesco ad applicargli sopra niente, da propast ad altre cremine, più creme metto più mi si irrita questa piccola ferita, trovo sollievo solo con i bagni freddi di permanganato di potassio che continuo a fare dati dal dermatologo. Quando vado in bagno son bruciori, durante l'arco della giornata prurito interno e lieve bruciore, non posso più applicare nessun presidio topico la zona credo sia sensibilizzata già da settimane, non posso curare la lesione quindi, le feci se sono dure grattano e mi provocano un po di sangue, bevo molto, frutta e verdura, e lipidyum integratore di fibra cmq non sembra funzionare molto sull'intestino. Devo fare un esame paratossicologico delle feci a breve anche, vedremo anche quello cosa dice; il senso di lieve prurito sacrococcigeo persiste ancora a volte. Come fare ora ad uscire da questa situazione disastrosa? Come tratto la piccola lesione ora?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
Con il termine eczema si identificano numerose condizioni tutte dissimili fra loro: via è da stabilire quale sia fra le tante la sua!
Sono certo che riuscirà a saperlo nella sede dermatologica.
Ancora saluti ci tenga pure aggiornati della situazione.
[#2] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2010
Grazie. Quello che volevo sapere però è come faccio a trattare una piccola lesione in quella zona dato che qualsiasi prodotto topico mi da ancora più peso e irritazione. Vabe...ne approfitto per chiedere anche se il permanganato di potassio usato per tanto tempo in quella zona perianale potrebbe dare qualche problema o effetto collaterale? Lo sto usando già da 3 settimane, un bagnetto al giorno con acqua fredda, mi da molto sollievo, ma in sti ultimi giorni noto che stando a bagno mi da un pò di prurito ultimamente ai glutei. grazie anticipatamente
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Direi di sospendere le terapie usate per troppo tempo ed aggiornarle col dermatologo in base al l'andamento del caso
Saluti