Utente 327XXX
Buonasera! Ad un mio parente (68 anni) affetto da scompenso cardiaco (gli è stato detto nel corso dell'ultima visita che il cuore funziona soltano al 20 - 30%), anni fa è stato installato un ICD; ho appreso delle positività della resincronizzazione cardiaca (CRT) per cui vorrei sapere se questo paziente possa fruirne avendo già installato un defibrillatore (ICD) o se comunque ci possano essere delle modalità finalizzate al potenziamento del defibrillatore (ICD) o se sia possibile sostituirlo con un altro più efficiente.
Preciso che in questi giorni il mio parente (che per altro non sempre osserva la terapia farmacologica prescrittagli in maniera costante) è stato affetto da una serie di problemi, quali in particolare una certa costante astenia, gonfiore alle gambe ed all’addome, fino al punto di non riuscire a muoversi normalmente, tanto da essere costretto a farsi ricoverare in ospedale. Le sue condizioni sono migliorate ma io vorrei conoscere il loro autorevole parere, per aiutarlo nel migliore dei modi, dopo la dimissione, onde potergli assicurare una qualità di vita migliore. Ovviamente se loro suggerissero qualche sistema ancora più efficace, sarei estremamente grato.
Ringraziando sentitamente per il servizio offerto, porgo distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
8% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Buonasera,
Per prima cosa il so arente dovrebbe essere scrpoloso nell'assumere la terapia prescritta.
Per quanto riguarda il crt, questa metodica può esere impiegata in pazenti che hanno determinate caratteristiche che devono essere valutate dallo specialista. È comunque possbile "trasformare" icd in icd con crt.

Cordiali saluti
Alessandro Durante
[#2] dopo  
Utente 327XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottor Durante,
la ringrazio per la sua sollecita risposta e vorrei che gentilmente mi facesse sapere se i centri ospedalieri pugliesi siano in grado di operare questa modificazione (ovviamente, come giustamente lei dice, dopo la consultazione di un medico) o, in caso contrario, in quali altri centri dell’Italia ciò sia possibile.
La ringrazio per la sua disponibilità.
Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
8% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2014
Non le so indicare con precisione quali centri in Puglia eseguono questo intervento. Dovrebbe comunque rivolgersi ad uno specialista e sarebbe lui, in caso lo ritenesse necessario, a indicarvi dove potervi rivolgere.

Saluti
Alessandro Durante