Utente 320XXX
Salve gentili dottori vorrei un aiuto.ho fatto poco tempo fa una visita cardiologiaca con ecg e ecocardio dove e risultato tutto normale e il mio cardiologo mi ha detto di potere stare tranquillo vperche nel mio cuore va tutto alla perfezione. Ma sono diversi gg che dopo una rampa di scale ho il cuore che batte all'impazzata ..questo mi preoccupa molto potreste darmi una riaposta? Grazie in anticipo. .

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
E' difficile darle una risposta. L'unica cosa che può' fare è controllare u ECG HOLTER 24 ore. se risulta normale si dimentichi del problema e si alleni in palestra
saluti
[#2] dopo  
Utente 320XXX

Iscritto dal 2013
Lo so.per me e un periodo difficile.non riesco a dormire mi sento sempre agitato e in piu ho sempre exstrasistoli.se a livello cardiaco non ce nulla nonce un rimedio per non avvertire piu questi sintomi.??
[#3] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
L'unica strada è farsi aiutare a contenere la sua ansia
saluti
[#4] dopo  
Utente 320XXX

Iscritto dal 2013
Capisco quello che dice lei.il problema e che qui sull isola non ci sono specialisti... non ce un modo per ridurle ? Anche perche noto che mi prendono spesso la mattina al risvegluo...
[#5] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
va bene anche un neurologo
[#6] dopo  
362024

Cancellato nel 2015
Gentile utente,

provo a dare un mio modesto contributo nel sollecitarla a "prendersi cura di se'"...

... per contenere l'ansia, potrebbe farsi aiutare da uno Psicoterapeuta, presso un consultorio della sua città, dove con un modesto ticket potrebbe iniziare a comprendere le cause di questa ansia e ad elaborare i vissuti inconsci che vi sottendono, oppure ad individuare le strategie appropriate per una corretta gestione del quotidiano.
Il tipo di metodo dipende dall'approccio psicoterapeutico a cui si avvicina!

È molto giovane, per cui ritengo necessario in questa sua condizione far prevalere la Psicoterapia al l'approccio farmacologico, se possibile.



Provi a riflettere...


Un caro saluto