Utente 367XXX
Salve,
anni fa ho avuto, mentre ero seduto, un improvviso svenimento. All'improvviso ho visto tutto nero e sono svenuto. Le persone che erano li con me mi dissero che mi videro sbattere la testa contro il tavolo. La perdita di coscienza è durata solo 2-3 secondi perché poi mi ripresi subito però mi sentivo debole, sudavo ed ero pallidissimo. Settimane dopo ho avuto poi un episodio di giramenti di testa e formicolio ad entrambe le braccia allora feci poi una visita cardiologica. Da questa visita all ecocardiogramma emerse solo un lieve prolasso mitrale e all ECG è risultata un alternanza di ritmo a 112 e a 80 BPM, intervallo PR breve, ma non franchi segni di preeccitazione ventricolare, blocco di branca dx incompleto e diffuse anomalie di tipo Aspecifico della ripolarizzazione ventricolare. Il cardiologo mi disse che probabilmente gli episodi erano causati da POTS e che non riteneva indicata nessuna terapia medica al momento e se fossi svenuto di nuovo di eseguire un ECG-HOLTER. volevo chiedere quindi se non fosse il caso di eseguire subito l holter anche se però non ho più avuto svenimenti?
Grazie e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
231165

Cancellato nel 2015
L'episodio va inquadrato il più possibile. ritengo opportuno eseguire sicuramente un ECG Holter, un tilt test e se negativi uno studio elettrofisiologico da eseguirsi in un breve ricovero. La fisiopatologia della sincope è complessa e non sempre si riesce a capire la causa del problema ma il nostro compito è fare il possibile per chiarirne la natura. In caso fosse tutto negativo è possibile anche mettere dei piccoli registratori sottocutanei che possono aiutare nella diagnosi qualora il sintomo si ripresentasse. Insomma credo che il suo problema meriti una valutazione aritmologica più approfondita
saluti
[#2] dopo  


dal 2015
Ok seguirò i suoi consigli! Grazie mille!