Utente 364XXX
Buondi',
sono un ragazzo di 40 anni, in ottima salute (o credo) , da ultime analisi del sangue e da visita cardiologica con elettrocardiogarama ed ecocardiogramma esegutio un mese fa; da circa una settimana sto effettuando un monitoraggio della mia pressione arteriosa e mi sono accorto che al mattino, dopo circa una mezzoretta dal risveglio, i miei valori risultano altini solo ed unicamente alla prima misurazione (130 85) per poi rientrare successivamente entro i 125 82.
Stessi valori la sera al rientro dal lavoro.
Ne ho parlato col mio cardiologo, il quale non si è preoccupato piu' di tanto, consigliandomi di non misurarla con tanta frequenza e di fare un po' di attività fisica riducendo il sale nei pasti.
Io invece inizio ad avere qualche preoccupazione e sono sempre li a misurare maniacalmente la pressione. Sta venendo fuori un ipertensione da trattare farmacologicamente?
E poi, ho un altro dubbio: ma la pressione si misura distesi o seduti? Quando vado in ambulatorio il mio medico la misura disteso.
Grazie per un eventuale chiarimento.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il suo cardiolgo l'ha consigliata bene....se continua così, a misurare continuamente la PA, i valori che riscontrerà non saranno attendibili, perchè influenzati dalle sue paure. La PA và misurata da seduti con il braccio fermo al mattino appena sveglio e dopo un relax di 15 m' (..e una volta a settimana e solo se necessario, come in chi assume farmaci antipertensivi).
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 364XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Dott. Rillo,
ne sono pienamente convinto. La mia più che altro era la curiosità di conoscere la motivazione per la quale la prima misurazione differisse in modo marcato dalle successive al di la' dei valori riscontrati.
Con molta stima.