Utente 177XXX
Gentile Dottore,
sono una donna di 52 anni da 5 in menopausa a cui è stata diagnosticata una osteoporosi con tscore -3,1 spinale e femorale -2,3. Mi è stato prescritto fosamax 70 mg da assumere una volta la settimana. premetto che faccio molto sport e da pochissimo assumo calcio e vitamina D. Ora, sto facendo un impianto dentario, mi hanno messo il perno e sono in attesa della sua stabilizzazione, a marzo, per poi concludere il lavoro. Mi sono informata sui rischi di necrosi della mascella legati ai bisfosfonati e mi sono preoccupata tanto da pensare di non seguire la terapia per l'osteoporosi. Cosa succederebbe se avessi un'emergenza odontoiatrica? E se anche sospendessi la terapia non sarebbe poi utile, visto che rimane in circolo per anni. Non so proprio che fare per uscire da questa impasse. Vorrei sapere se i bisfosfonati sono così efficaci, mi interrogo sull'influenza delle farmaceutiche sulle penne degli informatori dopo l'intervento di Garattini sulla questione, e se la terapia con la vitamina D da sola aiuta. Sono impaurita e non so come fare per decidere. Mi sento che in un modo o nell'altro ho una spada di Damocle che mi pende sulla testa. La ringrazio per qualsiasi prezioso consiglio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Le sue riflessioni sono sacrosante, c'è spesso un abuso di prescrizioni farmacologiche anche per fronteggiare problematiche che potrebbero parimenti esser affrontate in primis con un corretto stile di vita e una corretta alimentazione.
Ovviamente non sto dicendo che sia il suo caso.
Solo il medico che ha fatto la prescrizione e che la conosce sa se i bifosfonati le sono indispensabili o quanto meno raccomandabili.
Io per quel che mi compete le posso dire che l'incidenza di questa pur temibile complicanza è molto bassa, e che il rischio di osteonecrosi è più frequente in pazienti che assumono bifosfonati per via endovenosa per lo più per il trattamento di neoplasie (mieloma e metastasi ossee). Il rischio sembra inoltre aumentato se si è diabetici o se si assumono in maniera cronica cortisonici...ma resta comunque basso.
Mantenga in buona salute i suoi denti e circa l'opportunità di eseguire la terapia ne riparli con il suo medico o comunque con uno specialista ortopedico.
Se vuole approfondire un pò l'argomento osteonecrosi può dare un occhiata all'articolo pubblicato sul nostro sito:
http://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/1251-osteonecrosi-mascellari-pazienti-trattamento-bifosfonati.html

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 177XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dott. Di Iorio,
la ringrazio molto per la cortese e velocissima risposta. Con l'occasione le porgo i migliori auguri di Buon Natale.